Una Signora che fa storia. Ora lo dimostri in Europa

Suicidio della Roma, 3° titolo di fila per i bianconeri: non le riusciva dagli anni. Trenta Squadra perfetta in un anno imperfetto, ma ingigantito dai record

Tre indizi fanno una prova come tre scudetti fanno una certezza: ci sarà storia, ci sarà un posto per questa Juve. Vista nei numeri e nei fatti una Juve perfetta. Ma suvvia, non nascondiamocelo, in una stagione imperfetta. Lo strapotere nel campionato italiano non può nascondere, e nemmeno far dimenticare, i passi falsi in Europa. Juve così forte in campionato e così svagata, talvolta atonica, nei suoi giri d'Europa. C'è qualcosa che non torna. Non sarà che, poi, ha davvero ragione Capello? Questo campionato è poco allenante. Per dirla tutta: la Juve ha dovuto battersi con una sola vera, credibile avversaria. Dopo la Roma il vuoto, o almeno tante speranze perdute. E forse sarà uno scherzo del destino, o un segnale delle stelle, che il campionato si sia chiuso con la Roma che molla tutto il giorno prima della standing ovation dello Juventus stadium. Non era forse Garcia quello che aveva chiesto alle squadre di comportarsi sempre professionalmente? Parole e fatti ogni tanto rimbalzano in faccia.

C'è stato quel tanto di mediocrità in tutte le squadre di questo campionato. Anche nella Roma che pur ha costretto la Juve ad un passo da record, a battere primati e abbattere muri: valga per tutti quello delle vittorie consecutive casalinghe appartenente al Torino di straordinari giocatori, che fossero Pulici, Graziani o Claudio Sala. Ecco, quello è un grande avversario. Mettiamo pure che la Juve stavolta ha battuto una Roma in classifica e un Torino nella storia. Vedete che la stagione si fa ancora più perfetta. Aggiungiamo l'ipotesi dei cento punti, gli undici successi di fila per recuperare la testa della classifica, i 30 successi che, per ora, fanno pari con l'Inter 2006-2007, tutti numeri cucinati per guardarsi allo specchio.
Difficile pensare che questa sia una delle squadre più forti della storia bianconera: quelle di Platini e Zidane solleticavano e sollecitavano di più il palato.

Ma questa ha compiuto l'impresa che non riusciva dagli anni Trenta: tre scudetti di fila, tre scudetti dopo essersi rialzata dal terremoto di Calciopoli. Fantastica resurrezione, meravigliosa regina del calcio a cui vogliamo credere. C'è un'anima che conduce questa squadra ed è racchiusa nella grinta da strapaese di Antonio Conte. C'è una speranza che l'accompagna: che un giorno dimostri di essere Juve anche in Europa.

Commenti

Pelican 49

Lun, 05/05/2014 - 08:55

Il livello a cui è scaduto il calcio italiano non dovrebbe permettere alcun trionfalismo: la Juve appena si affaccia in Europa le prende anche dal Bellinzona! Non parliamo poi di tutte le altre "grandi" di una volta: potrebbero militare a stento in qualche campionato di Serie C europeo.

aredo

Lun, 05/05/2014 - 10:41

La Juve fu retrocessa quando scoppiò il grande scandalo delle partite truccate... Poi gli Agnelli hanno ripreso a fare i loro porci comodi e le partite palesemente truccate son tornate. Ed ecco le vittorie. Tanto i santi magistrati comunisti sono tutti con DeBenedetti, Agnelli... e feccia di sinistra varia. I finti imprenditori della sinistra, che tutto comandano e tutto succhiano.

linoalo1

Lun, 05/05/2014 - 11:24

Ma che strano vincere uno scudetto senza l'aiuto di Moggi!!Lino.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Lun, 05/05/2014 - 11:49

Ha perso persino la coppa dei perdenti, non è arrivata manco in finale! Squadra modesta, vecchi campioni ormai sfiatati come Pirlo (il grande Milan lo ha scaricato a tempo debito, intuendone, con grandissima preveggenza, il tramonto. Giovani modesti, appena sufficienti, allenatore presuntuoso). Ma cosa c'è da festeggiare? In Europa vincono solo le grandi squadre, le grandi società con grandi presidenti. Un nome a caso: Milan, BERLUSCONI.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Lun, 05/05/2014 - 12:01

"Loro" dicono 32, invece queli regolari arrivano a malapena a 19, tolti gli imbrogli. Daltra parte retrocessioni, prescrizioni e dirigenza radiata è ... cosa loro! Quoto in toto i commenti di linoalo1 - aredo e pelican 49. Il CALCIO (maiuscolo) è altro!!

paolonardi

Lun, 05/05/2014 - 13:10

Aredo ha ragione!! In Italia, credo che non ci possano essere piu' dubbi, si gioca un campionato truccato e la dimostrazione e' sotto gli occhi di tutti. Propongo che si giochino due campionati di serie A: nel primo la juve (minuscolo d'obbligo) concorre da sola, nell'altro tutte le altre con arbitri stranieri e moviola in campo; non vi sembra sospetta la chiusura totale dell'AIA verso gli ausili tecnologici?

Mobius

Lun, 05/05/2014 - 13:23

#perSilvio46. Pirlo sarà anche al tramonto, ma intanto che tramontava è stato fondamentale per la vittoria dei primi due campionati. E mi sento di dire, con "grandissima preveggenza", che i calciatori oggi trentenni fra dieci anni avranno smesso.

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 05/05/2014 - 14:04

Beh, ora, forse, disoccupati, precari e cassaintegrati saranno finalmente felici, ogni male essendo stato risolto. PANEM et CIRCENSEM. Che ne direste di tassare - come contributo di solidarietà - al 50% (dicasi 50%) gli emolumenti di calciatori, allenatori, faccendieri, presidenti vari, tutta quella fauna che gravita intorno ad uno sport che personalmente considero abbastanza insipido. Però riconosco ad ogni appassionato il diritto di credere nei sogni che vuole.

Albaba19

Lun, 05/05/2014 - 14:43

premessa doverosa, sono fiorentino ma quest'anno mi sento di applaudire ad una squadra che è stata per tutto il campionato una spanna superiore alle altre per gioco, motivazione, intensità e cattiveria agonistica. bravi davvero ma ora fate vincere anche gli altri.

Ritratto di giusdange2

giusdange2

Lun, 05/05/2014 - 15:19

Dispiace tanto per i non juventini, ma questa è una grande Juve, Benfica nonostante. Chapeau!