Il sogno Lazio: tre derby in otto giorni

Un mese fa Rafa Benitez ed Edy Reja potevano lavorare insieme nel Napoli: lo spagnolo in panchina, il friulano direttore tecnico. L'idea balenata nella testa del patron azzurro De Laurentiis, che ha sempre stimato il tecnico friulano nonostante l'esonero forzato di qualche anno fa per mancanza di risultati, è tramontata poco prima di Natale. La figura di Reja sarebbe stata troppo ingombrante per Don Rafè ma anche per i suoi collaboratori. L'allenatore di Lucinico è rimasto legato alla piazza partenopea (riportò il Napoli in A nel 2007), ha avuto belle parole per il collega spagnolo che ha incontrato al San Paolo a inizio stagione ma quando la Lazio ha deciso di richiamarlo, il desiderio di vivere le emozioni del campo gli ha fatto dire sì a Lotito.
Stasera Benitez e Reja saranno di fronte a Fuorigrotta per giocarsi un posto in semifinale di Coppa: in palio c'è una doppia sfida con la Roma il 5 e 12 febbraio, con la prospettiva - in caso di passaggio del turno dei biancocelesti - di un triplice derby in otto giorni, considerando anche la stracittadina in campionato del 9. Lo spagnolo, che avrà in rosa il difensore Henrique del Palmeiras, farà un parziale turn over ma recupererà Reina tra i pali; Reja dovrà fare a meno di Klose influenzato e con la cessione di Floccari al Sassuolo e la trattativa non ancora chiusa con Helder Postiga, schiererà i giovani Keita e Perea in attacco.
Da ieri poi il club di Formello ha anche un nuovo premium sponsor, la Msc Crociere che organizzerà una crociera tematica dedicata ai tifosi biancocelesti che ripercorrerà alcune delle località del Mediterraneo legate alla storia laziale.