Le solite ragazze d’oro Dream team al 4° titolo

Le ragazze non tradiscono. I ragazzi hanno aperto la strada di un europeo che sembrava chiuso alla soddisfazione. E invece Dream team femminile e poker d’assi maschile del fioretto hanno fatto il pieno: oro agli uni, oro alle ragazze. Gara a squadre, rivincita di gruppo in attesa di rivedersi a Londra. Si chiudono con un bottino azzurro di quattro medaglie e con il secondo posto nel medagliere, i Campionati Europei di scherma a Legnano. Il dream team del fioretto è tornato sul trono continentale per il quarto anno di fila. Ragazze imbattibili in Europa, ma non ancora al meglio della forma.
Valentina Vezzali ora sogna solo di tornare a casa, ritrovare tranquillità per un mese di allenamenti prima di partire per le Olimpiadi. La calura e l’organizzazione italiana un po’maldestra di questi europei, hanno giocato contro i nostri attesi a un pieno di medaglie. Sono arrivate in extremis. Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca, Arianna Errigo e Ilaria Salvatori hanno cantato felici l’inno nazionale dopo essersi sbarazzate della Francia in finale (45-28). «Un gruppo strepitoso che ha riscattato una prova individuale dove non abbiamo raccolto quanto meritiamo - ha commentato il ct Cerioni -. La testa delle ragazze è ovviamente già a Londra, ma oggi abbiamo attestato la leadership di una squadra eccezionale».
L'inno di Mameli è risuonato per la seconda volta in questa edizione degli europei. Le ragazze hanno conquistato l’accesso alla finale dopo aver vinto la semifinale contro la Polonia (45-31). In precedenza avevano sconfitto l’Ucraina col netto punteggio di 45-26.
L’Italia della spada invece si è fermata ai quarti. Paolo Pizzo, Matteo Tagliariol, Diego Confalonieri e Francesco Martinelli sono usciti a un passo dalla lotto per il podio: sconfitti 45-39 dall’Ucraina. Azzurri sul 40-39 prima di subire l’allungo ucraino.
Finale poi vinta dalla Svizzera contro l’Ungheria (45-35)