Il sottomarino, i Reds, Lucescu e il cannibale Siviglia

C'è anche un'Europa di realtà eccezionali, nel rapporto bacino di utenza-budget-risultati. Stasera (21,05, Sky) le semifinali, Shakhtar Donetsk-Siviglia e Villarreal-Liverpool. Gli ucraini sono guidati da Mircea Lucescu, 71 anni, già vincitore della Supercoppa europea con il Galatasaray nel 2000 e della Uefa con lo Shakhtar, nello '09, da un biennio a causa della guerra non gioca più a Donetsk, ma a Leopoli. Il Siviglia viene da 4 Europa league in un decennio, è d'esempio per I'italia che non se l'aggiudica dal '99, con il Parma. Da due edizioni il profeta è Unay Emery, origine turca e calcio spettacolare, al punto che piaceva al Milan.

La base del calcio spagnolo è amplissima, con 4 semifinaliste complessive su 8, viene completata dal Villarreal, tornato il sottomarino giallo, come quando avvicinò per due volte la finale Champions. Vila-Real è un classico estivo, a Ferragosto si affrontano sempre in amichevole.

E anche il Liverpool è diventata una provinciale, senza scudetto dal '90. I reds sono fra i club più titolati al mondo, ma senza trofei europei dal 2005, quando batterono il Milan ai rigori a Istanbul. Da allora il calcio inglese ha vinto solo con il Chelsea, una Champions (più una con il Manchester United) e una Europa.