Spagna, Mourinho patteggia col Fisco: due milioni di multa e un anno con la condizionale

Josè Mourinho ha patteggiato la condanna ad un anno di carcere con la condizionale e alla multa di due milioni di euro per frode fiscale contro l'erario spagnolo

Josè Mourinho patteggia col Fisco spagnolo, l'allenatore portoghese è stato condannato ad un anno di carcere con la condizionale e pagherà una multa di due milioni di euro all'erario iberico.

Problemi fiscali in via di risoluzione per lo Special One, che presentatosi al tribunale di Madrid ha patteggiato un'ammenda pecuniaria di quasi due milioni di euro e la condanna ad un anno di detenzione, che sarà commutata in un ulteriore multa di 182.500 euro. Il reato contestato è di aver evaso entrate derivanti dallo sfruttamento dei suoi diritti d'immagine per gli anni 2011 e 2012 quando era alla guida del Real Madrid. Il danno arrecato all'erario spagnolo ammonta a circa 3,3 milioni di euro. L'ex allenatore dell'Inter aveva già pagato a luglio circa 462.000 euro e deve ancora al fisco circa 2,84 milioni di euro. L' accordo deve ora essere convalidato da un giudice.

Le indagini hanno accertato che Mourinho disponeva di una società offshore la Koper Services con sede nelle Isole Vergini britanniche e aveva costituito una fondazione in Nuova Zelanda, controllante della Koper, di cui risultavano beneficiari la moglie e i figli. I contratti erano formalmente siglati dalle due società irlandesi (Mim e Polaris), che poi trasferivano il denaro alla caraibica Koper, controllata dalla fondazione neozelandese, secondo un'architettura del tutto analoga a quella che ha portato alla recente condanna di Cristiano Ronaldo.