Spalletti sente le urla di Allegri: ''Se fanno inc....anche lui''

Spalletti ha commentato divertito il battibecco tra Allegri e Adani: ''Se fanno inc...anche Allegri segno che c 'è qualcosa che non va bene''

Un Inter-Juventus senza le consuete polemiche arbitrali, ma con un post partita vibrante negli studi di Sky con l'accesso battibecco tra Massimiliano Allegri e Daniele Adani, scatenatosi mentre Luciano Spalletti veniva intervistato da Inter Tv.

Il tecnico di Certaldo, ascoltando in sottofondo le urla dell'allenatore bianconero ha commentato: ''Se fanno inc....anche Allegri segno che c'è qualcosa che non va bene'', rispondendo alla battuta dell'intervistatore che aveva sottolineato come molto spesso sia proprio l'allenatore dell'Inter ad urlare contro i giornalisti.

Spalletti si è poi soffermato sulla prestazione dei suoi, decisamente convincente nella prima ora di gioco: ''È stata una partita a due facce, mi è piaciuto molto il primo tempo dove abbiamo prodotto tanto e siamo stati spesso insidiosi. Nella ripresa loro sono diventati più aggressivi, ci siamo dovuti chiudere e lì abbiamo meno qualità da esprimere. Contro le grandi squadre certe partite vanno chiuse perché poi al minimo spazio ti fanno male e nel caso del gol subito è stato così. Nel complesso è stata una buona partita e sono soddisfatto. Se facciamo più di queste prestazioni veniamo premiati perché l’atteggiamento è quello giusto''.

Una battuta anche sul suo futuro, ancora incerto ma al momento non sembrano precluse le possibilità di permanenza sulla panchina nerazzurra: ''Sono tanti che faccio questo lavoro, non è un problema. decide la società, io rimarrei 100 anni all'Inter. Avete visto che tifoseria hanno. L'Inter deve scegliere il meglio, se questo annulla il mio lavoro, non conta niente. Bisogna prendere delle decisioni e soprattutto difendere l'Inter''.

Segui già la nuova pagina Sport de ilGiornale.it?

Commenti
Ritratto di bracco

bracco

Dom, 28/04/2019 - 21:42

Adami un ex mediocre del calcio, tato mediocre come calciatore, uno scarso come opinionista, ma campione di ignoranza