lo spilloQuell'omaggio inopportuno a Schumi

Visto che da due mesi Michael Schumacher è legato a macchine che lo tengono in vita e sta lottando contro il coma per tornare l'uomo che era, visto che le sue condizioni sono un mistero, visto che notizie confortanti non ne arrivano, la decisione presa ieri dalla direzione del circuito del Bahrein di intitolare al grande campione una curva ci sembra in questo momento un omaggio inopportuno. Benché la famiglia di Michael - per voce della manager Kehm - abbia ringraziato «per un gesto con cui vengono riconosciuti i successi di Michael in F1 e il suo contributo alla progettazione del circuito... Sono convinta che Michael amerà l'idea e sarà onorato per aver dato il nome ad una curva del tracciato». Ma resta il pessimo gusto.