Una Stella illumina la Mille Miglia: la corsa al via il 17

Presentata ieri in Campidoglio l'edizione 2012 della "corsa più bella del mondo". Sarà Martina Stella la madrina. Patron Casali: "Questa gara è un volano per la nostra economia"

Se c'è un evento, in questo periodo così buio per il nostro Paese, che riaccende invece la luce e i riflettori del mondo su di noi e parliamo di luce solo positiva, luce scintillante di cui andar fieri, è la Mille Miglia storica, «la corsa più bella del mondo», come amava definirla Enzo Ferrari. Una corsa che doveva allora la sua fama alle difficoltà, alle imprese, ai pericoli che il serpentone internazionale di assi del volante doveva affrontare in quella meravigliosa e rischiosa andata e ritorno da Brescia a Roma, così come ora deve il suo successo, in versione di rievocazione storica, alla bellezza e unicità delle vetture che ne percorrono lo storico tragitto, gareggiando comunque, ma gareggiando in altra maniera.
Ieri, la corsa più bella del mondo è stata presentata in Campidoglio dal suo patron, Alessandro Casali, presente il sindaco di Roma Gianni Alemanno. «Anche in questa edizione - ha spiegato Casali - nonostante la crisi economica, riusciremo a mantenere un elevato livello qualitativo, perché la Mille Miglia è un volano per l'economia del nostro Paese e fiore all'occhiello dell'Italia intera. Negli ultimi anni abbiamo fatto un grande lavoro facendo diventare la Mille Miglia, non solo un grandissimo evento sportivo, ma anche una bandiera dell'Italia nel mondo. Un appuntamento eccezionale sia per immagine sia per numero di concorrenti provenienti da ogni parte». In sintonia il sindaco Alemanno: «Le auto con la loro evoluzione tecnico-ingegneristica testimoniano inoltre le radici dello sviluppo industriale del nostro Paese. Una ricchezza che va valorizzata al massimo». In Campidoglio è stata anche presentata la madrina dell'edizione 2012 (al via da Brescia il 17 maggio arrivo a Roma la sera del 18 e ritorno il giorno dopo a Brescia). Sarà l'attrice Martina Stella: «Sin da piccola ho sempre sentito molto parlare di questa gara storica. Per me è un onore. Bisogna promuovere un evento come la Mille Miglia, soprattutto in un momento delicato come questo, perché rappresenta l'eccellenza del nostro Paese».
Tra i concorrenti al via quest'anno anche John Elkan presidente del gruppo Fiat e sua moglie Lavinia Borromeo al volante di una berlinetta sportiva Fiat 8V costruita, in piccola serie, dal 1952 al 1954. John Elkann e la moglie Lavinia racconteranno il loro viaggio con numerosi tweet sul popolare social network. Al via anche nomi storici del motorismo, come Stirling Moss, ancora detentore del record assoluto della Mille Miglia (1600 km in 10 ore e 8
minuti) e Jochen Mass.