Super G donne, 15 atlete in un secondo: Italia fuori dal podio, rivelazione Ledecka

Vittoria per la campionessa di snowboard. Quinta Schnarf, sesta Brignone. Delusioni per Gut e Vonn

Quindici atlete in un secondo. L’Italia fuori dal podio per 5 centesimi con Johanna Schnarf, quinta.

Il bronzo del gigante Federica Brignone sesta ad appena 38 centesimi dalla vittoria. Una delle favoritissime, Sofia Goggia, a 54 centesimi dalla prima, autrice di un’acrobazia per restare in piedi a metà gara, scivola all’undicesimo posto. Dodicesima Nadia Fanchini a 77. Atlete tutte separate da battiti di ciglia. Una gara dove centimetri di sci in più e millimetri di soletta più aderenti alla neve nell’ultima porta hanno fatto la differenza. Le medaglie olimpiche si vincono e si perdono anche per dettagli minuscoli e nel Super

Gigante olimpico in rosa sulle nevi di Jeongseon questa eventualità è stata portata all’estremo dal caso. Ma vince chi arriva primo, e dunque il fenomeno del giorno è la ceca Ester Ledecka, ventiduenne snowboarder, passata da pochissimo alla Coppa del mondo di sci alpino. Oro per lei, con un vantaggio di appena un centesimo sull’austriaca Anna Veith. Terza a undici centesimi Tina Weirather (Liechtenstein). Tra il bronzo e la nostra Schnarf si è inserita Lara Gut, una delle grandi deluse di questo Super G olimpico: ha perso la medaglia per 1 centesimo. Giornata da dimenticare per Lindsey Vonn. La campionessa americana ha compromesso la gara con un errore che l’ha buttata completamente fuori linea.