Super Langford trascina Milano corsara ad Atene

La pantera Langford per la missione che sembrava impossibile dopo la partenza nel fuoco del Pireo: 11-0, 22-9. L'Emporio Armani toglie le piume ai bicampioni d'Europa dell'Olympiacos vincendo di 2 (86-88) ad Atene, dominando dalla fine del secondo quarto (47-50) anche se il vero salto mortale era stato fatto alla fine dei primi 10' proprio grazie alla sua pantera che non si allenava da tanto tempo. Quelle zampate hanno stordito l'Olympiakos che senza Spanoulis è davvero una squadra con poco talento, a parte Perperoglou e Dunston, quei colpi al fegato portati alla fine da Hackett, Moss hanno in pratica messo fuori gioco per i play off i detentori del titolo. Capolavoro di Luca Banchi nella sua ricerca dentro il cuore dei giocatori e dopo il fallimento iniziale ha trovato solo belle risposte: Langford coi suoi 20 punti, Wallace 8, Jarrels 11, Lawal 13 e 8 rimbalzi per completare i danni che aveva fatto Samuels 9 e 5 recuperi, persino Kangur 7. Il furore di Moss, la luce ritrovata solo in fondo da Hackett per una difesa sporca che ha concesso ben 36 tiri liberi ai greci, per una battaglia vinta a rimbalzo e con il 12 su 24 nel tiro da 3 che ha reso impotente la già debolissima difesa dell'Olympiacos. Missione compiuta e ora servirà a Milano arrampicarsi per tenere la migliore posizione, nella speranza di poter difendere questo secondo posto che vorrebbe dire luce piena sulle finali del Forum. Serviva una prova importante in trasferta dopo l'Emporio aveva vinto solo a Bamberg. È arrivata, con sofferenza, ma anche con la faccia delle squadre nate per essere rispettate.