Supercoppa, la Juventus spreca e il Napoli fa festa ai rigori

A Doha la partita si conclude 8-7 dopo i calci dal dischetto

Il Napoli vince per la seconda volta nella sua storia la Supercoppa italiana, a 24 anni dal primo trionfo. Nella finale di Doha gli azzurri hanno sconfitto per 8-7 dopo i calci di rigore la Juventus. A decidere la sfida la parata di Rafael sull’ultimo rigore di Padoin, dopo che Chiellini e Pereyra sempre dagli undici metri avevano sprecato l’occasione per portare il primo trofeo stagionale a Torino. I bianconeri masticano amaro anche per essere stati raggiunti a due minuti dalla fine dei tempi supplementari.

La partita si accende subito dopo 5 minuti con l’immediato vantaggio dei bianconeri, grazie a un clamoroso errore della retroguardia azzurra. Su un innocuo lancio in verticale, Albiol e Koulibaly si scontrano per andare a prendere un pallone di testa e lanciano verso la porta Tevez che, tutto solo, batte Rafael con un preciso rasoterra.

Passano dieci minuti e Hamsik sfiora il pareggio. Lo slovacco recupera palla su una corta respinta di Chiellini e con un preciso sinistro rasoterra, deviato leggermente dallo stesso difensore juventino, coglie il palo alla sinistra di Buffon. Tra il 22’ e il 23’ Tevez è pericoloso due volte. 

Nella prima occasione, su assist areo di Llorente, va al tiro con un destro di controbalzo sul quale è bravo Rafael; nella seconda su passaggio di Vidal prova la conclusione di sinistro dal limite dell’area ma il portiere azzurro gli dice ancora no. Poco prima della mezz’ora Hamsik salta Marchisio al limite dell’area e conclude con un destro fuori di poco. Al 35’ si fa vivo Higuain, bravo a liberarsi al limite dell’area, ma non a concludere. Sempre il ’Pipità crea l’ultimo pericolo della prima frazione con un destro a giro sugli sviluppi di un calcio d’angolo sul quale Buffon salva in tuffo.

In avvio di ripresa il Napoli esprime il massimo sforzo per riequilibrare l’incontro. Dopo 8 minuti Callejon spreca una ghiotta opportunità in contropiede. Lo spagnolo, splendidamente lanciato da Hamsik, manda fuori di un soffio. Al quarto d’ora altro lancio di Hamsik per Higuain, con l’argentino che prende il palo con un pallonetto. I tempi sono maturi per il pareggio, che arriva al 23’ per merito del numero 9 azzurro che va a segno di testa dopo una grande giocata di De Guzman, che salta tre uomini sulla sinistra e serve a Higuain un pallone da spingere in rete a pochi passi da Buffon.  

Dopo il pareggio della squadra di Benitez il ritmo della partita cala, le due squadre accusano la stanchezza, si allungano e fino al 90’ si registra solo una chance per la Juventus, con l’Apache che angola troppo un diagonale di destro e grazia Rafael. Nel primo tempo supplementare la Juventus fa la partita, tiene in mano il gioco e con Vidal al 10’ del primo over time va vicinissima al vantaggio con un destro da dentro l’area ma Koulibaly salva sulla linea e riscatta il brutto errore sul gol del vantaggio bianconero. Al secondo minuto del secondo tempo supplementare Tevez riporta in vantaggio la ’vecchia signorà.

Strepitosa azione di Pogba che va via a tre uomini al limite, entra in area sulla sinistra e serve in mezzo l’argentino che dopo una finta si mette il pallone sul destro e scarica un preciso diagonale a fil di palo alla destra di Rafael. Al sesto minuto Buffon salva su un tiro di Higuain a botta sicura ma si deve arrendere su un destro del ’Pipità in scivolata. Nella girandola dei rigori sbagliano Jorginho, Tevez, Mertens, Chiellini, Callejon, Pereyra, fino alla rete di Koulibaly e all’errore decisivo di Padoin.

Commenti

giovauriem

Mar, 23/12/2014 - 08:19

grande napoli !