SuperMario contro Spolli: «Non mi devi dire negro di m...»Ma Allegri minimizza ed elogia la sua squadra

Mario Balotelli è furente. Dopo un fallo a centro campo, va a terra e si rialza di scatto andando verso Spolli con l'indice accusatore puntato verso l'argentino. Mezzo parapiglia sedato dall'arbitro Rizzoli e da Kakà e El Shaarawy, mentre il labiale di Super Mario spiega il perché di tanto nervosismo («Negro di merda non me lo dici»). Dopo poco Allegri sostituisce Balotelli che, davanti alla propria panchina, reagisce ai fischi del pubblico mostrando con la mano destra un 3, come i gol fatti dal Milan. Ma Allegri minimizza: «Non ho sentito nulla. Ho sostituito Mario perché lo vedevo un po' stanco e aveva preso una botta. E poi in campo ne succedono tante, l'importante è restare sereni e Rizzoli è stato molto bravo a gestire la situazione». Promuove poi il Milan e, dopo Glasgow e Catania, riscopre il gusto di vincere fuori casa. «Il gruppo ha mostrato carattere reagendo subito al vantaggio del Catania. Comunque questo è un successo che dà morale, in campionato siamo in ritardo ma vedremo di migliorare gradualmente». Lapidario sui problemi societari: «Di questa burrasca non ce ne siamo accorti, perché noi lavoriamo a Milanello, isolati da tutto e da tutti. Il presidente ha poi preso una decisione importante per il bene della società e io non avevo dubbi che tutti lavorassero per il bene del Milan, dall'esterno, mentre noi dobbiamo farlo dall'interno».

Commenti

elalca

Lun, 02/12/2013 - 09:55

cosa ha detto di sbagliato? forse doveva aggiungere anche IGNORANTE!