Svezia-Danimarca, da biscotto a sfida fratricida

Nel 2004 eliminarono l'Italia con un pari, ora un italiano arbitra l'ultima spiaggia di Ibra

Rievocare il più classico dei biscotti, nell'era delle gare truccate e dei sospetti continui, non solo nel calcio, non è forse la cosa più sana. Ma inchieste, condanne, squalifiche e gare manipolate non hanno comunque scalfito la passione dei tifosi. Le qualificazioni a Euro 2016, però, offrono la gustosa possibilità di una visione totalmente differente della materia, quella che dal biscotto (o presunto tale) porta allo scontro fratricida, con l'Italia che si gode davantia alla Tv la sua personale vendetta, a oltre dieci anni di distanza da quel 2-2 che ne sancì l'eliminazione agli Europei 2004. Questa sera (ore 20.45) allo stadio di Solna nella contea di Stoccolma, andrà in scena il derby scandinavo Svezia-Danimarca, la gara più interessante di questi playoff europei. Già, l'Europeo, proprio la manifestazione che fu teatro del tanto sospettato accordo per eliminare l'Italia e che ora mette le due protagoniste di allora di fronte, in uno spietato doppio confronto da dentro o fuori (ritorno in programma martedì in Danimarca). E, ironia della sorte, l'arbitro di stasera sarà l'italiano Nicola Rizzoli. Ma Svezia-Danimarca sarà anche l'ultima chance per Zlatan Ibrahimovic di giocare un grande torneo; dopo aver mancato la partecipazione al Mondiale 2014, l'ex milanista non vorrà lasciarsi scappare l'ultima occasione della carriera di disputare un torneo importante: «Inimmaginabile un Europeo senza di me», aveva detto a suo tempo. Svezia-Danimarca comunque non è solo il biscotto del 2-2 agli Europei 2004: le due nazionali vivono da sempre una forte rivalità, che ha visto prevalere a parti alternate e in periodi differenti l'una o l'altra squadra. Il periodo più florido, a parte la finale Mondiale del 1958 tra Brasile e Svezia, è quello dal 1992 al 1994: la Danimarca vinse l'Europeo a sorpresa, sostituendo all'ultimo momento la Jugoslavia, e la Svezia arrivò quarta ai Mondiali di Usa '94. Nel primo caso, inoltre, ci fu anche uno scontro tra le parti: 1-0 per la Svezia, in gol l'allora parmense Thomas Brolin. Fu l'unico ko della Danimarca nella manifestazione. In generale le due nazionali, che si sono affrontate 104 volte (45 vittorie per la Svezia, 40 per la Danimarca), hanno raramente avuto accesso ai grandi palcoscenici, nonostante abbiano offerto alla storia del calcio vere stelle come Ibrahimovic, Hamrin, Liedholm, Nordahl, Simonsen, Schmeichel e i fratelli Laudrup; storie diverse, tutte unite dal leitmotiv della scarsa continuità ad alto livello. Stasera una delle due nazionali riscriverà la sua storia calcistica: ma senza biscotti all'orizzonte.Playoff (andata): Norvegia-Ungheria 0-1, Bosnia-Irlanda 1-1, Ucraina-Slovenia (ore 18, Sky Sport 3), Svezia-Danimarca (20.45, Sky Sport 1).