TAPPA INFERNALE SUI PIRENEIVuelta, Basso si gela e si ritira Ratto si bagna e vince Nibali 2° sempre più leader

In cima a la Collada della Gallina, arriva Ratto. Tutto solo. Tutto bagnato. Tutto rattrappito dal freddo e dal gelo. Vince Ratto, compagno di Basso, che ieri ha fatto la fine del topo. Il varesino, che ieri mattina era 7° in classifica generale a 2'52" dalla maglia rossa Nibali, ha dovuto issare bandiera bianca colpito da una crisi di ipotermia nella discesa dell'Envalira. Stessa sorte, tra gli altri, è toccata a Luis Leon Sanchez, Jelle Vanendert e Krystof Vandewalle. Vince Ratto, nato a Moncalieri in 5 ottobre dell'89, lasciato libero di agire, è andato all'attacco, visto che nella generale ha quasi un'ora e mezzo di ritardo, in condizioni ambientali sui Pirenei quasi impossibili: pioggia, nebbia, gelo. Vincenzo Nibali arriva a quasi 4' da Ratto, ma è lui l'immediato inseguitore e rimane in maglia rossa. Oggi altra tappa pirenaica molto dura, la più lunga della Vuelta (224,9 km) , da Andorra a Peyragudes: quattro le salite in programma, tutte di prima categoria. E il cielo non promette nulla di buono.