Tennis, le azzurre ancora in finale di Fed Cup

L'Italia batte la Repubblica Ceca, campione in carica, e sfiderà le russe per aggiudicarsi il trofeo: sarebbe il quarto in sette anni. Punto decisivo della Vinci

Roberta Vinci durante il match contro Lucie Safarova

Dopo la domenica amara, un lunedì di resurrezione. Le ragazze terribili del tennis italiano piegano la resistenza d'acciaio della Repubblica Ceca, bi-campione in carica di Fed Cup, e strappano il pass per la finalissima. Il punto decisivo, dopo la sconfitta di Sara Errani ieri contro Petra Kvitova sulla terra marcia di pioggia, arriva da Roberta Vinci. La tarantina con i suoi colpi di taglio e il suo tennis tutto genio riesce ad avere la meglio al terzo set sulla potente mancina Lucie Safarova (6-3, 6-7, 6-3). Gioia enorme per l'Italia, con tuffo in piscina del Tennis Club Palermo, una squadra che riesce a centrare la quinta finale nelle ultime otto stagioni. Le azzurre in finale se la vedranno in casa contro la Russia, che nell'altra semifinale, ha battuto 3-2 la Slovacchia. Le ragazze allenate da Corrado Barazzutti avranno così la possibilità di centrare il poker di successi dopo quelli ottenuti nel 2006, 2009 e 2010. L'ultimo atto della Fed Cup andrà in scena il 2 e 3 novembre prossimi. La superficie sarà la terra, la città ospitante da definire.
È un successo prestigioso e convincente (tra l'altro senza nemmeno giocare il doppio) quello delle piccolette terribili ex riserve diventate titolari. Il gruppo di Barazzutti (che sta facendo cose egregie anche in campo maschile con la semifinale di Davis sfiorata perdendo in Canada) in otto anni è cambiato di pochissimo. Sara Errani e Roberta Vinci (numero 7 e 13 del mondo in singolare, e numero 1 in coppia in doppio) sono diventate le titolari mentre Francesca Schiavone (ex numero 4 Wta) e Flavia Pennetta (ex numero 10 in singolo e numero 1 in doppio) sono scalate a riserve. Ma lo spogliatoio è sempre unito, dopo le vittorie (tipo oggi a Palermo) tutte insieme a festeggiare a centrocampo e poi in piscina. Sperando di portare a casa la quarta coppa. Per fare la storia.