Tennis, inchiestasu Nalbandian

L’Atp ha aperto un’inchiesta sull’episodio che è costato la squalifica a David Nalbandian nella finale del torneo del Queen’s contro il croato Marin Cilic

L’Atp ha aperto un’inchiesta sull’episodio che è costato la squalifica a David Nalbandian nella finale del torneo del Queen’s contro il croato Marin Cilic. Domenica l’argentino ha perso la testa e ha colpito a calci la postazione di un giudice di linea che ha riportato una lesione alla tibia, come dimostra il video. Nalbandian, già multato di 12.600 dollari per condotta antisportiva, rischia ulteriori sanzioni. Le norme dell’Atp, infatti, prevedono ammende fino a 100mila dollari e squalifiche fino a 3 anni per i tennisti colpevoli di aver danneggiato la reputazione dell’associazione con una condotta "contraria all’integrità del gioco". Nalbandian, al centro anche di un’indagine avviata da Scotland Yard, è stato privato del premio di 60.000 dollari destinato al finalista del Queen’s e ha dovuto farsi carico delle spese alberghiere. Inoltre, potrebbe essere estromesso dal torneo di Wimbledon che comincia il 25 giugno. La decisione spetta all’All England Club, il glorioso circolo che organizza il torneo.