Tennis, il Tas squalifica la Errani per altri otto mesi per doping

Sara Errani aveva già scontato due mesi di squalifica per doping ma ora il Tas di Losanna ha accolto il ricorso presentato da Nado Italia e le ha inflitto uno stop di altri otto mesi, più il risarcimento danni stimato in 4000 franchi svizzeri

Brutte notizie per Sara Errani che dovrà stare ferma fino all'otto febbraio del 2019 per via di una squalifica per doping. La 31enne di Bologna era risultata positiva al letrozolo lo scorso 16 febbraio del 2017 in un controllo effettuato sorpresa. La tennista azzurra si era giustificata dichiarando di aver assunto tale sostanza per una contaminazione di tipo alimentare ma questo gli era comunque costata la sospensione da parte della Federazione internazionale per soli due mesi. La Errani si era difesa così: "Noi non sappiamo esattamente come sia successo. Quella del tortellino è l'unica opzione possibile perché abbiamo eliminato tutte le altre".

Nado Italia, però, il 31 agosto del 2017 aveva presentato il ricorso presso il Tas di Losanna per contestare la decisione della Federazione internazionale di fermare la Errani per due mesi. L'organizzazione giudiziale sportiva ha deciso di accogliere l'appello quintuplicando la pena da infliggere alla classe '87 che decorrerà dunque dall’8 giugno e scadrà l’8 febbraio 2019, ovvero tra otto mesi, due sono già stati scontati l’anno scorso. Questa sentenza del Tas è inappellabile con la Errani che non potrà giocare a nessun livello, dovrà pagare 4000 franchi svizzeri di risarcimento danni per Nado Italia.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 12/06/2018 - 12:50

questi impostori devono essere squalificati a vita!