Tennis, Roland GarrosErrani battuta in finale:vince Maria Sharapova

Finisce la bellissima favola della tennista di Bologna dopo che ieri ha trionfato nel doppio con Roberta Vinci. La 25enne russa completa il ciclo di vittorie in tutti gli slam

Alla fine l'impresa non è riuscita. Sara Errani è stata battuta in finale al Roland Garros. L’azzurra, che ieri ha trionfato nel doppio con Roberta Vinci, è stata battuta dalla russa Maria Sharapova in due set con il punteggio di 6-3, 6-2 dopo un'ora e 29 minuti di gioco.

Per la 25enne russa nata a Njagan è la prima vittoria al Roland Garros: grazie a questo successo completa il ciclo di vittorie in tutti gli slam dopo aver vinto Wimbledon (2004), Us Open (2006) e Australian Open (2008), decima nella storia a riuscirci. Il suo cammino verso la vittoria è stato facile (nei risultati) almeno fino al terzo turno, quando nell’ordine ha battuto la rumena Cadantu, la giapponese Morita e la cinese Peng, senza neppure cedere un set. Qualche difficoltà agli ottavi contro la ceca Zakopalova (battuta in tre set), prima di riprendere un cammino spedito e non cedere neppure un set ai quarti ed in semifinale contro l’estone Kanepi e la ceca Kvitova. Ed anche oggi ha vinto senza lasciare molto spazio all’avversaria. Finisce qui, invece, la bellissima favola della tennista di Bologna che per arrivare in finale ha battuto, nell’ordine, l’australiana Dellacqua, l’americana Oudin, la serba numero 13 Ivanovic, la russa numero 26 Kuznetsova, la tedesca numero 10 Kerber e l’australiana numero 6 Stosur prima di trovarsi la Sharapova, frequentata ai tempi di Bollettieri, in finale e perdere con grande onore. Nel mezzo c’è stata anche l’avventura nel torneo di doppio, dove in coppia con Roberta Vinci hanno dominato e vinto la competizione, confermandosi tra le coppie più affidabile del circuito.

Ci sono voluti 15’ per la Errani prima di provare a entrare in partita, complice la forza della russa che ha brekkato due volte l’avversaria e si è portata subito sul 4-0. La reazione di Sara si concretizza con due game consecutivi (4-2), ma ormai l’inerzia del set è dalla parte della Sharapova che si fa brekkare ma controbrekka fino alla fine, chiudendo sul 6-3 dopo 36’ di gioco. Il secondo set si apre sulla stessa falsariga: subito break di Sharapova che poi tiene il servizio portandosi sul 2-0. La Errani si rimette in carreggiata (2-1), lotta per impattare e si procura una palla break ma la russa aumenta il ritmo e senza troppi complimenti si porta fino al 4-1, negando di fatto qualsiasi possibilità alla Errani di tornare in partita. Anche se l’azzurra non demorde, accorcia brekkando l’avversaria (4-2) ma va in scena nuovamente la stessa scena del primo set: 5-2 Sharapova su servizio Errani e poi il 6-2 finale con gli applausi per entrambe le finaliste. Domani, il programma prevede l’atto finale del torneo maschile: di fronte Novak Djokovic e Rafael Nadal. I precedenti dicono che per 18 volte ha vinto l’iberico e per 14 il serbo; nel 2012 si sta 2-1 per Nadal, che ha battuto Djokovic nelle finali di Roma e Monte Carlo, mentre Nole aveva vinto ad inizio stagione in Australia.

Commenti

Nonmimandanessuno

Sab, 09/06/2012 - 19:10

Un grazie di cuore a questa ragazza e pure alla sua compagna Vinci: queste sono le cose belle dello sport che. però, a causa dello strapotere del Calcio, non viene compiutamente apprezzato, seguito e trasmessso in modo decente. Forse perchè c'è un giro meno importante di scommesse, scommettitori e...truffatori.

cicero08

Dom, 10/06/2012 - 07:15

Ma che spot bellissimo per l'intero movimento sportivo italiano il viso pulito, sereno e sorridente della minuta campionessa romagnola sempre vogliosa, risoluta, combattiva, razionale, coraggiosa e corretta. Brava Sara!

marval60

Dom, 10/06/2012 - 08:44

Sarita,sei stata comunque una cannonata.il fatto che la Sharapova se l'abbia dovuto sudare il suo 4°slam la dice tutta.bella finale e fantastico l'incoraggiamento dei francesi nei tuoi confronti,il giusto riconoscimento ad una campionessa quale sei.per impegno,classe,determinazione ed umiltà i veri "nani"sono i presunti campioni della nazionale di calcio,vero bluff mediatico totalmente costruito e pompato a manetta da un mare di "esperti"........