Tour de France, Bakelants nella bufera: "Faccio sesso con le miss"

In un'intervista il corridore della AG2R ha ammesso: "Cosa mi porto in Francia? I preservativi. Ci sono anche le miss del podio..."

"Cosa ti porterai al tour, Jan?" - "Una scatola di preservativi, non si sa mai. Con le miss che ci sono in giro...". ll botta e risposta tra un giornalista del quotidiano belga Heet Laaste Nieuws e il corridore dell'AG2R Jan Bakelants ha dato vita a un vero e proprio caso che ha colpito il mondo del ciclismo. A pochi giorni dall'inizio del Tour de France, il belga Jan Bakelants è finito nella bufera per i contenuti sessisti di un'intervista pubblicata poche ore fa da un giornale del suo Paese. E adesso l'organizzazione della "Grande Boucle" chiede le scuse del corridore.

Colpa delle domande piccanti rivolte a Bakelants da una firma di Heet Laaste Nieuws. Nell'intervista, pubblicata mercoledì, all'atleta del team AG2R è stato chiesto quanto fosse duro non fare sesso per tutta la durata del Tour de France, corsa in partenza il primo luglio da Dusseldorf che si snoderà per tre settimane attraverso le strade transalpine.

Prima il belga ha fatto riferimento alla visione dei film porno per "tamponare" gli effetti dell'astinenza forzata, poi ha aggiunto che comunque "mi porterò da casa un pacchetto di profilattici. Non si sa mai che cosa abbiano in mente le miss del podio".

Frasi che non sono piaciute all'organizzazione del Tour de France, che ha chiesto le immediate scuse del corridore. In una nota l'AG2R, team per il quale l'atleta corre dal 2015, ha puntualizzato che "Bakelants ha fatto una battuta di cattivo gusto: ce ne scusiamo con gli organizzatori e con le persone che si sono sentite offese dalle parole di Jan".

Non è la prima volta che le miss del podio si trovano al centro di un dibattito legato all'uso strumentale che ne viene fatto. Da sempre, alla fine di ogni corsa, il vincitore della tappa e chi indossa una particolare maglia salgono sul podio e ricevono un bacio da parte di una coppia di miss: un rituale che alcuni vorrebbero abolire.

Nel 2013 il due volte campione del mondo Peter Sagan pizzicò sul sedere una ragazza al termine del Giro delle Fiandre e fu costretto a scusarsi.

Commenti

marygio

Gio, 29/06/2017 - 12:40

sta a vedere che pensare di trombare è un'offesa, un reato.

Ritratto di dr.Strange

dr.Strange

Gio, 29/06/2017 - 13:08

se avesse detto di volerlo fare con i mister, l'avrebbero elogiato

Ritratto di pravda99

pravda99

Gio, 29/06/2017 - 13:50

Una battuta da caserma di pura squola Berlusconiana (con influenze Trumpiane di ritorno). Aspetto con trepidazione i commenti beceri e squallidi dei soliti noti, che su questi temi danno sempre il meglio di loro stessi.

horatio caine

Gio, 29/06/2017 - 13:59

confermo quanto scritto sopra negli altri commenti e aggiungo che molti di quelli che si scandalizzano, quando erano giovani e andavano in vacanza con gli amici si portavano i preservativi per farci le bombe d'acqua!

cesrosan

Ven, 30/06/2017 - 09:23

Xpradva99- certo bisogna metterci sempre Berlusconi. Invece di aspettare "con trepidazione"i commenti beceri, studia un po la grammatica(squola)da non credere, questi non sono errori di battitura, è proprio IGNORANZA.

MARCO 34

Ven, 30/06/2017 - 10:00

Evidentemente queste miss ci stanno, altrimenti non potrebbe. Quanto a pravda99 stendiamo un pietoso velo!!