Trapattoni ha la cura per Balotelli " Lo tratterei come Strunz"

Sul caso Balotelli, interviene anche il grande vecchio del calcio nostrano. Per Trapattoni quello di Super Mario un talento da tutelare, per un giocatore che, però, non reputa un Campione assoluto

Trapattoni, Mister azzurro ai mondiali 2002

L'ex c.t. azzurro, Giovanni Trappatoni, elogia le doti tecniche di Balotelli, ma non risparmia la predica all'attaccante italiano:

"Potenzialmente è un campione ma non con la C maiuscola. Fossi il suo allenatore lo tratterei come come ho fatto con Strunz e Cassano"

Queste le dure parole del neo allenatore della Costa d'Avorio che durante un'intervista per il settimanale "Oggi" non ha risparmiato una "tirata d'orecchi" benevola all'attaccante del Milan e della nazionale italiana. 

Oltre alle critiche, però, il Trap ha mostrato anche la sua ammirazione per Super Mario:

"Balotelli è un patrimonio tecnico e umano assolutamente da non depauperare...Lo stanno gettando a mare con troppa facilità, è una cosa senza senso".

Da queste parole emerge naturalmente un'ulteriore critica, non diretta al ragazzo, ma a chi nei giorni precedenti ed antecedenti al Mondiale ha scaricato tutto il peso della pressione sull'attaccante azzurro, rischiando di bruciare le potenzialità enormi del giocatore.

Durante l'intervista Trapattoni ha voluto anche sottolineare come si compoterebbe lui se fosse il suo allenatore, spiegando che agirebbe esattamente come fece con Strunz, con Edmundo e con Cassano, tutti giocatori dal carattere difficile che, però, l'ex allenatore bianconero riuscì a mettere in riga. Il Trap inoltre ha affermato che quando ha avuto a che fare con caratteri forti, come quello di Mario, si è comportato anche da padre, bussando alle camere dei giocatori sul tardi, cercando di chiarire e di risolvere i problemi. L'ex allenatore della Nazionale italiana ha anche ammesso di aver avuto grossi problemi con un giocatore della nazionale irlandese, problemi ora però risolti. 

Infine il Trap ha affermato di essere fiducioso sul futuro di Mario Balotelli, ricordando però di non vederlo come un numero uno, come lo sono stati altri in passato:

"Io qualcuno con la C maiuscola ce l'ho avuto: Platini, Tardelli, Scirea, Boniek, Bettega, Causio, Matthaeus"

Commenti
Ritratto di max2006

max2006

Mer, 02/07/2014 - 00:01

Ma il Trap dopo la Corea ha ancora voglia di parlare?