Van Gaal è senza Krul. L'Olanda perde ai rigori

L'Argentina sfiderà la Germania per la terza volta ai mondiali. Dopo 120' di noia, si decide dal dischetto. Sbaglia anche Sneijder

«Dove mi immagino il 13 luglio? Sul campo del Maracanà a giocare la finale». Non aveva usato giri di parole, Leo Messi, prima del Mondiale. E il suo sogno si è avverato: nella sera in cui supera il mito Maradona come numero di presenze con l'Albiceleste (92), la Pulce supera l'esame di ammissione alla sessione di laurea. Al Maracanà non troverà l'altro numero 10 padrone di casa, quel Neymar fuori gioco ancora prima del suo Brasile, ma la tosta Germania per una sorta di «bella» dopo le due finali di Dieguito nel 1986 (vinta) e nel 1990 (persa all'Olimpico di Roma tra le polemiche). L'ultima delle quattro partite conclusive giocate dai sudamericani. Anche se più fresca è la batosta rimediata quattro anni fa, quando l'asso del Barcellona fu mandato a casa con un poker nei quarti dai teutonici.

Stavolta i rigori si rivelano fatali all'Olanda, orfani del portiere Krul che Van Gaal lascia in panchina. Messi e Robben non sbagliano il loro tiro dal dischetto, così l'eroe diventa Romero che para i tiri di Vlaar e Sneijder mentre l'Albiceleste è infallibile. Ma in realtà alla squadra arancione mancano anche gli acuti di Van Persie, sfiancato dal mal di pancia e debilitato da un dolore alla gamba sinistra, e soprattutto del suo numero 11, voglioso di cancellare l'errore della vita in Sudafrica quando sbagliò il match point nella finale con la Spagna, ma che non avrà una seconda possibilità.

Da una parte c'è l'unica delle semifinaliste giunta al penultimo atto del torneo con uno score di sole vittorie, con il record di meno falli di tutte le squadre (una novità per una squadra fisica come quella dell'Albiceleste) e di più cross effettuati; dall'altra una nazionale orange che ha l'attacco più prolifico (12 reti prima della sfida di San Paolo), con le maggiori soluzioni offensive (7 calciatori in gol) e il numero più alto di giocatori impiegati (22, l'unico mai utilizzato il terzo portiere Vorm).

Dimenticate i fuochi d'artificio di Belo Horizonte, la seconda semifinale di San Paolo, giocata a lungo sotto la pioggia, appare più equilibrata e bloccata. Troppo alta la posta in palio e così il match scivola via senza grandi emozioni fino all'epilogo quasi scontato dagli undici metri per quello che si vede in 120 minuti tra i più noiosi del Mondiale. La fisionomia dell'Olanda è la solita: squadra che non fa giocare il centrocampo avversario grazie a marcature studiate alla vigilia e che concede poco all'Argentina. I sudamericani esercitano un maggiore possesso palla, ma di occasioni ne creano poche. Non è l'Albiceleste micidiale dei turni precedenti, capace di sbloccare presto il match (ne sanno qualcosa Bosnia, Nigeria e Belgio). Ma non si vede nemmeno l'Olanda travolgente dei secondi tempi (6 reti nei finali di gara).

Per evitare i supplementari servirebbe un tocco di fantasia che non arriva. Messi è prontamente bloccato nelle ripartenze e non gira al massimo, Robben è a lungo un oggetto misterioso anche se proprio sul gong del 90' viene fermato da Mascherano mentre sta per calciare davanti alla porta. L'Olanda gioca poco sugli esterni, anche se dopo una prima frazione sonnecchiosa tenta di alzare un po' il ritmo. A loro volta i terzini argentini mostrano poco coraggio nell'aiutare l'azione offensiva, situazione che permette un lavoro meno difficoltoso ai tre centrali di difesa dell'Olanda. Sabella tenta di dare maggiore peso offensivo alla squadra negli ultimi minuti regolamentari con l'ingresso di Palacio e Aguero, visto che Perez - buon sostituto di Di Maria anche se meno propositivo - e Higuain sono stanchissimi. Ma i cambi non si rivelano azzeccati, alla luce di quanto accadrà, visto che sia l'interista (che manca la zuccata vincente a due passi da Cillessen) che l'attaccante del City non incidono.

All'inizio dell'overtime Van Gaal si gioca l'ultimo cambio (stavolta nessuna sorpresa sui portieri) inserendo Huntelaar per un Van Persie opaco e che in questo mondiale ha dovuto fare i conti con tanti problemi fisici. Quella che si vede nei supplementari è un'Olanda un po' più tonica, nonostante la maratona di quattro giorni prima con il Costa Rica, a dimostrazione della buona condizione fisica con la quale il gruppo orange è arrivata all'appuntamento brasiliano. Ma di occasioni da gol non c'è traccia e così la lotteria dei rigori premia l'Argentina infallibile dagli undici metri.

Il tabellino

Sequenza rigori: Vlaar parato, Messi gol, Robben gol, Garay gol, Sneijder parato, Aguero gol, Kuyt gol, Maxi Rodriguez gol

Olanda:
Cillessen; De Vrij, Vlaar, Martins Indi (1' st Janmaat); Kuyt, Wijnaldum, De Jong (17' st Clasie), Blind; Sneijder; Robben, Van Persie (6' pts Huntelaar). Ct Van Gaal.

Argentina:
Romero; Zabaleta, Demichelis, Garay, Rojo; Perez (36' st Palacio), Biglia, Mascherano, Lavezzi (11' pts Maxi Rodriguez); Messi, Higuain (37' st Aguero). Ct Sabella.

Arbitro:
Cakir (Turchia).

Ammoniti: Martins Indi, Demichelis, Huntelaar.

Commenti

Gianca59

Gio, 10/07/2014 - 08:40

Alla fine del primo tempo ho spento la TV e mi sono dedicato alla lettura: era evidente come sarebbe andata a finire, non si sapeva chi avrebbe sbagliato quello decisivo.

meloni.bruno@ya...

Gio, 10/07/2014 - 09:01

Anche gli allenatori sono delle persone comuni e possono sbagliare, portiere che ha vinto non si cambia perchè avrebbe dovuto tenerne conto anche di questo il signor Van Gaal.

Ritratto di sepen

sepen

Gio, 10/07/2014 - 09:12

Certo che ritrovarsi a tifare per la Germania vuol dire che siam proprio mal messi...

bernaisi

Gio, 10/07/2014 - 09:24

E' stata una partita penosa peggio di quelle dell'oratorio

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 09:39

Gianca59, non ti credo ne una virgola.. sei stato incollato alla TV fino alla fine e facendo il tifo per l'Olanda. Mi dispiace che ti e' andata male.

Ritratto di komkill

komkill

Gio, 10/07/2014 - 10:07

Finale tra le squadre del paese più ricco del mondo e del paese più indebitato ed insolvente del mondo.

andrea da grosseto

Gio, 10/07/2014 - 10:11

Partite come quella di ieri sera mi fanno ricordare il motivo per cui non seguo più il calcio.

Ritratto di Baliano

Baliano

Gio, 10/07/2014 - 10:18

Partita noiosa, verissimo! Ma non "da salvezza serie C". Oppure "l'Argentina senza una minima speranza contro la Germania". Così pontificava l'"esperto", giornalista "sportivo", dal tavolino della RAI. Ma si sa anche che quelli della RAI, sono generalmente servitori e lacchè, oltre che "pallonari" col senno di poi. -- Ma gli Olandesi tanto incensati? Mah! Come seconda, terrificante, "macchina da guerra", più che panzer, "panzerotti". A casa gli orange "caciottari". Poi toccherà ai krukki. E alla matta, meglio conosciuta come "la kulona". - La "Crante Cermania" va fermata, magari a "spallonate". Forza Arghentina, Saludos -----

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 10:21

L'Argentina ha vinto meritatamente e va alla finale per terza volte coi tedeschi. Senza dubbi le migliori 2 squadre di questo bellissimo mondiale sono arrivato fino alla fine meritatamente. L'Argentina rompe cosi con tutti i pronostici e preferenze dei media italiani che ancora cercano di arrampicarsi sui muri trattando di screditarli a tutti i costi e modi gli albicelestes. L'Argentina incontrera' ancora La Germania nel Maracana' augurando di trovare un clima imparziale e rispettuoso diverso di quello avuto nello stadio olimpico di Roma 90, ove 50 mila tifosi romani fischiarono l'inno argentino dimostrando l'odio eterno contro una nazione, e la simpatia e favoritismo a favori degli altri. Addirittura all'altro giorno di quella data la', tutti i media al posto di essere critici per l'anti-sportivita' dimostrata per il pubblico, si concentro' piuttosto nella reazione a mio avviso comprensibile di Maradona dando di "hijos de puta" a tutti questi agressori fanatici. Pur essendo in Brasile e affidandosi allá buona educazione dimostrata dal pubblico finora, per fortuna sta volta sembra che quella anti-sportivita' non ci sara' e augurandosi anche nella totale imparzialita' del arbrito, a non concedere inesistenti rigori a favore della Germania come era successo in quella oportunita'. Vamos Argentina!

Ritratto di unpaesemigliore

unpaesemigliore

Gio, 10/07/2014 - 10:26

Alè Argentina ... fagli un mazzo così per prima alla Culona che sarà in tribuna a tifare suoi Krucchini

phantom

Gio, 10/07/2014 - 10:40

Partita brutta e noiosa di entrambe le squadre. L'Argentina come modo di giocare non mi piace proprio; non esprime un gran gioco di squadra ma è più incentrata sul catenaccio difensivo nella speranza che Messi si inventi qualcosa. In finale tiferò la Germania che è quella che ha espresso il miglior gioco del mondiale ed è quella che mi ha entusiasmato di più in campo; non dimentichiamo che in una partita ha segnato più gol dell'Italia in 2 mondiali. Spero comunque di vedere una bella finale combattuta e vivace e non la grande noia di ieri sera.

Gianca59

Gio, 10/07/2014 - 10:41

Armandoestebanquito: hai quasi ragione, prima ho guardato sul Gambero Rosso channel Igles Corelli alle prese con i gamberi di Porto Santo Spirito e poi mi sono dedicato alla lettura...Non mi interessava chi avrebbe vinto, non sostenevo ne l' una ne l' altra, mi era indifferente.

cakecake

Gio, 10/07/2014 - 11:17

Se l'argentina pensa di giocare con la germania come ha fatto ieri sera con l'olanda (una vera pena)puo' gia scordarsi la coppa. Senza contare che da europea ( non europeista ) tifero' germania.

Que viva Mario Teràn

Gio, 10/07/2014 - 11:19

@armandoestecazzito ecc ecc...te sei un altro espertone di quelli che il mondiale "bellissimo" l'hanno visto alla playstation, tipo i bimbiminkia. Argentina la migliore squadra? Ricapitoliamo i suoi momenti salienti: 1-0 con l'Iran al 91', due volte rimontata dalla Nigeria, golletto a culo al 119' con la svizzera e palo di Dzemaili un minuto dopo, golletto a culo col belgio e poi via a spazzar palloni in tribuna. Di ieri non parlo nemmeno, pareva scapoli ammogliati. Togliti i prosciutti dagli occhi, questo è in generale un mondiale qualitativamente poverissimo dove c'è una squadra, magari non sempre efficace ma solidissima, che è la Germania, e 31 comparse. E chiudo dicendo che l'unica speranza che ha l'Argentina di complicare un minimo la vita ai tedeschi è il recupero di DiMaria, lui sì grande giocatore (altro che Messi: ma ieri giocava?), altrimenti prevedo un altro punteggio da tie break tennistico.

marvit

Gio, 10/07/2014 - 11:30

Due squadre che hanno badato solo ad annullarsi a vicenda. E' passata l'Argentina,comunque. Anche senz l'aiuto di Messi che si è limitat a timbrare solo il cartellino presenze. Con la germania sarà un altra cosa però. FORZA ARGENTINA!!

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 11:51

komkill, mia tant poveri questi ragazzi.. ma lo sapevi che finora gli argentini hanno vinto il mondiale degli arrivi nei aeroporti brasiliani, e ne anche parlare di quelli che sono arrivati in machina, bus e anche a piedi. Sai io ti sconsiglio di guardare ballaro' e santoro. Apri gli occhi

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 11:57

Argentina a fatto un'ottima partita, e ha meritato di passare. A perso le poche chiare opportunita' ci sono state e a dire la verita' L'Olanda non ne ha avuto una. L'Argentina sta volta ha una solita defensa e ottimo portiere, non solo Messi. Lavazzi benissimo. L'Olanda e' stata cancellata propio.

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 12:13

cakecake si va bene europea ma fischiare l'inno argentino pero'

pimask.11

Gio, 10/07/2014 - 12:53

Quella di ieri sera è l'unica partita che ho visto di tutto il mondiale effettivamente piuttosto noiosa. Ho visto l'Olanda abbastanza superiore anche se le migliori occasioni le ha avute l'Argentina. Messi e Schnejder potevano stare in panchina. Mi guarderò anche la finale tifando Ratzinger. Piuttosto incivili i continui fischi dei tifosi avversari nei confronti dell'Olanda.

Armandoestebanquito

Gio, 10/07/2014 - 13:30

Que viva Mario Teràn, va bin ma senza insultare per cortesia

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 10/07/2014 - 14:12

C'era da aspettarselo che vincesse l'Argentina; hanno il dodicesimo uomo in Vaticano che ha ottime relazioni in alto, molto alto, loco. La vedo comunque più dura con la finale, poiché entrambe le squadre potranno disporre del dodicesimo uomo entrambi con ottime referenze.