Vargas incanta Napoli: tripletta

NapoliLa prima notte europea del Napoli è nel segno di Vargas. Per il cileno era la partita della verità, i tifosi si attendevano da tempo i lampi della giovane punta. E con Cavani spedito in tribuna per non condizionarlo, Vargas sigla addirittura una tripletta che esalta i 30mila del San Paolo e fa iniziare con il piede giusto l'avventura continentale degli azzurri. «I gol? Sono piu contento per la squadra che ha vinto - così il cileno -. Dedico i gol alla mia famiglia e a mio nonno che sta in cielo. Ognuno di noi lotta per un posto da titolare in ogni partita». La squadra imbottita di seconde linee conferma anche la serie positiva di Frustalupi in panchina al posto dello squalificato Mazzarri: con il vice, partenopei sempre vincenti. Peccato per il brutto gesto di Hamsik che scalcia un avversario e viene espulso.
A oscurare la bella vittoria, l'episodio avvenuto mercoledì notte: un uomo è stato infatti accoltellato alla gamba sinistra nella notte di mercoledi da un gruppo di teppisti ma è andata bene ad altri dodici supporter svedesi arrivati poche ore prima da Stoccolma. Durante il raid avvenuto in una pizzeria situata a poca distanza dalla centralissima Piazza Municipio e dal porto sono stati feriti a una gamba e a un gluteo anche un capo tifoso del Napoli, residente a Stoccolma dove gestisce un club azzurro, tornato nella sua città per assistere alla partita e il proprietario del locale. Nel locale si è scatenato il terrore: i tifosi svedesi sono fuggiti abbandonando il cibo sui tavoli mentre i tre feriti sono stati portati in ospedale.
Le loro condizioni non sono gravi: dopo essere stati medicati sono stati dimessi. «Siamo certi che si tratti di un gruppo isolato», così il questore di Napoli Luigi Merolla. La caccia all'uomo è però diventata quasi una costante da quando gli azzurri sono tornati a giocare in Europa. Gravissime aggressioni erano già avvenute in occasione dei match con il Liverpool e i bavaresi, con una dozzina di tifosi inglesi e tedeschi finiti in ospedale per le coltellate inferte dagli ultras napoletani.