La vergogna di Calciopoli? Coprire le sentenze

Prosegue il dibattito innescato dall'intervento di Piero Ostellino su Calciopoli

Caro Direttore, ho letto quanto ha scritto Piero Ostellino sul Giornale di ieri e mi permetto di intervenire. Non tanto perché il Dubbio - maiuscolo e minuscolo - del nostro grande collega non sia lecito, visto che l'ultima sentenza della Cassazione su Calciopoli è definitiva più per la legge che per il buonsenso, ma più che altro per le Certezze (queste sì, solo maiuscole) contenute nell'articolo. In pratica:

1) L'idea di coprire la scritta «32» con una foto della Nazionale all'ingresso dello stadio della Juventus è tanto ridicola quanto quella di voler riscrivere a mano l'albo d'oro del campionato a cui si è iscritti. Esistono delle regole e fino a quando non le cambierà direttamente Renzi (prima o poi ci arriva, no?) vanno seguite. Si possono certo combattere e in questo Andrea Agnelli si sta muovendo egregiamente. Ma non si può voler migliorare un sistema se non lo si rispetta, anche quando si pensa di essere stati vittima di un torto. Quindi: o si toglie il 32, o non si manda allo Stadium la Nazionale. Il volemose bene a metà è un obbrobrio.

2) Giuste o sbagliate che si ritengano, ci sono oltre 30 sentenze sportive, amministrative, civili e penali che danno torto alla Juventus di Moggi e Giraudo. E non a caso ho scritto di Moggi e Giraudo. Quel che succedeva lo sospettavano tutti e lo sapevano in molti. E non solo all'esterno della Juve.

3) Calciopoli ha dimostrato che il calcio è stato sfilato per usi personali alla passione dei tifosi, facendo loro credere che fosse per il loro bene. L'operazione è riuscita talmente bene che l'articolo di Ostellino ne è purtroppo la conferma. E il dopo Calciopoli sembra un po' come il dopo Tangentopoli.

4) Lo scudetto assegnato all'Inter non doveva essere accettato, perché - come ha detto Josè Mourinho - «non si vincono i campionati in segreteria». Dopodiché al posto di Moratti molti avrebbero fatto lo stesso.

5) Nel calcio non esistono santi, ma voler attaccare un uomo come Giacinto Facchetti dopo morto qualifica chi lo fa. Telefonava anche lui? Probabile, come tutti. Anche se per ora si sa solo che è stato chiamato dall'ex designatore Paolo Bergamo, in versione compiacente. Così com'era in tutte le telefonate che faceva.

6) Sapendo questo, l'Inter sarebbe stata probabilmente penalizzata quanto il Milan. Ma la requisitoria di un Pm (Palazzi) non è una sentenza. E comunque ora di prescritta non c'è solo l'Inter.

7) Viviamo in un Paese in cui se uno è di sinistra dice che Berlusconi deve rispettare le sentenze, ma se uno è di sinistra e juventino dice che contro Moggi e la Juve c'è stato un complotto. Pronostico: da Calciopoli non ne usciremo mai.

Commenti

paolacicco

Ven, 03/04/2015 - 11:03

Calciopoli, dubbi e troppe certezze Ma possibile che prima di scrivere nessuno provi ad informarsi? Possibile che il tifo renda complici di mala informazione Questa ricostruzione è un falso storico, non sappiamo se dovuta alla scarsa conoscenza dello scandalo -ed in questo caso, magari, prima di contestare Ostellino avrebbe fatto bene ad informarsi-, o il solito tentativo dei colpevolisti della prima ora di far emergere solo quello che fa comodo. Non vogliamo giudicare Facchetti ma solo precisare che la bandiera nerazzurra non è solo stato chiamato da Bergamo ma, come emerge dalle intercettazioni e dalle testimonianze del processo di Napoli, ha intrattenuto rapporti anche con arbitri in attività: Nucini e De Santis. Non ci sono invece telefonate di Moggi ad arbitri.

pgbassan

Ven, 03/04/2015 - 11:08

Signor Marco Lombardo, Calciopoli si scrive e si legge FARSOPOLI. Legga le carte e non si fermi alla farsa del giudizio “sportivo”. Le figuracce dei vari Auricchio, Nucini ecc, le omissioni, le manipolazioni (sorteggi). Arbitri assolti, cupola che non c’è ecc. Telefonati Facchetti (grandissimo giocatore e uomo) probabili? Ma le faceva, come lo stesso Moratti. Clamorosa quella del 5V 4N 4P: le senta. E non mi si dica che non valgono in quanto egli è morto: il fatto rimane. Telefonate che non c’erano secondo Narducci. A spese di Moggi sono state poi trovate. Ma che già nel 2006 erano ben trascritte ed evidenziate con le tre V, ma che Auricchio ha occultato! Onestà, signor Lombardo.

pgbassan

Ven, 03/04/2015 - 11:18

Casualmente mi sono imbattuto nel programma di Crozza e stava blaterando sulla sentenza su Moggi e commentava il titolo fazioso della Cazzetta dello Sport: Tra le altre amenità parlava di prescrizione sul caso Paparesta chiuso nello spogliatoio!!! Chiaramente non sa che trattasi solo di telefonata e che il fatto non sussiste, e che Moggi è stato assolto e che ciò è servito però per condannarlo nel 2006 e mandare la Juventus in serie B. Ma Crozza è un comico ( e di bassa lega). Porello.

paolacicco

Ven, 03/04/2015 - 11:32

pgbassan il Signor Lombardo scrive nel suo articolo che il solo Bergamo chiamava Facchetti dimenticando (volutamente?) tutto il resto. Ripeto: o non si ha la giusta conoscenza dello scandalo (e visto che espone su un quotidiano a diffusione nazionale è grave) oppure è malafede. Non vogliamo accusare nessuno, ma solo il rispetto della realtà...

Lorenzo1508

Ven, 03/04/2015 - 12:08

Marco Lombardo, ma ti lasciano scrivere ciò che vuoi su un giornale? E' un giornale questo, vero? Praticamente hai dato del povero idiota a un Signore che si chiama Piero Ostellino; la cosa grave è che ti hanno permesso di farlo scrivendo solo scempiaggini!1) Io a casa mia ci metto i numeri che voglio;2)Cosa sapevano in molti di casa Juve? Esporre,prego(possibilmente con sentenze non con idee personali);3)La conferma...Ostellino è un povero idiota...si è lasciato influenzqare come un tifoso qualsiasi;4)Giustifica per Moratti.Non sarai anche tu un cartonato?)5)Non è probabile, ma è un dato di fatto; basterebbe ascoltare le registrazioni dei carabinieri; facchetti telefonava agli arbitri(vietato)!!! Moggi ai designatori(permesso);6)chi sarebbero gli altri prescritti dopo i cartonati?7)condivido in pieno:da Farsopoli non ne usciremo mai!!! Tranquillo!!!

Dadina

Ven, 03/04/2015 - 13:09

Grazie signor Lombardo ! L'articolo di Ostellino mi ha disgustato. Il suo rida' dignità al Giornale.

COSIMODEBARI

Ven, 03/04/2015 - 13:15

Non c'è processo, sportivo e non, che non sia una farsa quando noi siamo gli interessati a qualsiasi titolo. Anche in quello da tifosi. Si riesce ad enfatizzare, come giuste, le sentenze di terzo grado che assolvono tutti e tutto solo perchè le indagini primarie non sono state eseguite a regola d'arte.

cicero08

Sab, 04/04/2015 - 12:06

la vera vergogna di calciopoli: aver manipolato le indagini a piacimento eliminando o emarginando quelle non perfettamente funzionali all'eliminazione della triade...