Vince la difesa, il Super Bowl è dei Broncos

Manning trionfa alla soglia dei 40 anni sovvertendo il pronostico

Roberto GottaSanta Clara La differenza tra i numeri e la realtà, nel Super Bowl 50 vinto dai Denver Broncos sui Carolina Panthers per 24-10 è stata evidente. Sugli spalti però, non in campo. La NFL distribuisce a ciascuna delle due finaliste il 17,5% dei biglietti, ovvero stavolta 11.700. Circa 16.000 li tiene per sé, ovvero per la vendita a sponsor e clienti privilegiati, mentre la squadra di casa (San Francisco 49ers) ne ottiene il 5% (3.300) e le altre 29 circa 800 a testa, che vengono venduti a abbonati vincitori di estrazione a sorte.Eppure, sugli spalti del Levi's Stadium, i tifosi dei Broncos, vistosissimi nei loro luminosi colori arancio vivo e blu, erano non meno di 30.000, molti più di quelli dei Panthers. Succede ogni anno che possessori di biglietti poco attirati dalla partita, o poco disposti a spendere per il viaggio oltre che per i circa 850 euro minimi (che salgono fino a 3.000 per posti che comprendono accesso vip) del tagliando, li rivendano, alimentando un ricchissimo mercato semilegale. E notoriamente i tifosi dei Broncos non si tirano indietro quando c'è da muoversi: quello di domenica era l'ottavo Super Bowl, il secondo in tre anni, e ogni volta la marea arancione si è palesata, specialmente se si tratta di luoghi relativamente vicini - per le abitudini americane - come San Francisco.Tutti contenti per il quarterback Payton Manning, che a quasi 40 anni ha vinto il suo secondo Super Bowl dopo quello del 2007, e dopo avere perso quello del 2010 (entrambi alla guida degli Indianapolis Colts) e quello del 2014, quando già era a Denver. Ma Manning, che potrebbe ora ritirarsi, non è stato il miglior giocatore della partita, titolo andato a Von Miller, esponente di punta di una difesa che ha impedito alla grande stella della stagione, il quarterback Cam Newton, di essere pericoloso come lo era stato nelle partite precedenti. Fino a pochi minuti dal termine anzi l'unico touchdown dei Broncos era stato segnato dalla difesa, con Malik Jackson che si era impossessato del pallone strappato da Miller proprio a Newton. Il tutto nel bellissimo Levi's Stadium di Santa Clara, 75 chilometri da San Francisco ma stadio di casa dei San Francisco 49ers. È anche per questo che l'edizione numero 50 è stata evidenziata come quella di San Francisco-Bay Area, per non fare figli e figliastri. L'anno prossimo si gioca a Houston, e non ci sarà questo tipo di artifici verbali.