Wimbledon: dopo 4 ore di grande tennis Federer si inchina a Nole

È Novak Djokovic a conquistare, per la seconda volta in carriera, il Torneo di Wimbledon battendo in una finale estremamente combattuta il pluricampione Roger Federer: 6-7 6-4 7-6 5-7 6-4 il punteggio finale dopo oltre 4 ore di gioco. Con la vittoria di oggi il serbo riconquista il primo posto della classifica ATP ai danni di Rafa Nadal

Djokovic in 5 set su Federer per il suo secondo Wimbledon

Vittoria al termine di un confronto che ha fatto sprecare aggettivi mirabilanti per Djokovic su un Federer eroico nel non voler abdicare al suo status di Campione e che in campo ha messo tutto l'orgoglio di cui fosse provvisto. Non meno bravo il Serbo a reggere mentalmente nel quinto set, dopo aver perso il quarto, già vinto.

Il primo set inizia senza scossoni e continua in perfetto equilibrio, anche se Nole appare più in palla nei game in battuta, concedendo solo 2 quindici all'avversario nei primi 4 turni. Inevitabilmente si arriva al tie-break, senza che nessuno sia riuscito a conquistarsi una palla break nel corso della frazione, nonostante Djokovic si sia trovato per un paio di volte sul 40 pari su servizio di Federer. Il tie-break inizia nel segno dello Svizzero, che ottiene subito un mini break e si porta prima sul 3 a 0 e poi sul 4 a 2; Nole recupera e si conquista due setpoint, prima sul 6 a 5 e poi sul 7 a 6 ma è Roger, a sorpresa, a conquistare il set trasformando il primo a suo favore.

Ad inizio secondo set Djokovic entra in campo deciso a recuperare; ottiene 2 palle break nel primo gioco ma non riesce a trasformarle. Tiene agevolmente il turno di battuta successivo e poi si conquista un'altra palla break, su doppio fallo di Federer, e questa volta riesce a trasformarla, portandosi sul 2 a 1. Si procede senza sorprese fino al 5 a 3 per Djokovic; Roger prova a rientrare o, almeno, a conquistarsi una palla break, ma Nole è attento e chiude il secondo set per 6 a 4.

Sul 3 a 2 del terzo set Federer si porta avanti 0 a 15 sul servizio dell'avversario, ma è Nole ad aggiudicarsi alla fine il gioco. Due break point per Djokovic sul 5 pari, annullati. Inevitabile anche in questo caso il tie-break, nel quale Djokovic si porta in vantaggio 4 a 2, ma Federer trova subito il contro minibreak; purtroppo per lui sbaglia il quindici successivo, concedendo due palle del set al Serbo, che trasforma la prima portandosi in vantaggio per 2 set a 1.

Nel quarto set, sul 2 a 1 Djokovic ha 4 palle break e si porta sul 3 a 1. Sembra finita, ma Federer trova un controbreak immediato conducendo un gioco perfetto. Nuovo break di Djokovic, che trova il 4 a 2, ma sul 5 a 3 Federer gioca nuovamente un gran game e conquista la battuta. Il Serbo ha un match point nel game successivo (con punto a suo favore trasformato dopo il replay in 40 pari), ma Federer lo breakka, alza il livello della battuta e lo cancella, conquistando il set per 7 a 5 grazie a un break nel gioco successivo.

Nel quinto e decisivo set nuovamente grande equilibrio; Roger ha 1 palla break sul 3 a 3, poi è la volta di Nole a non trasformare due opportunità. Si decide tutto sul 5 a 4 Djokovic, che riesce a rubare la battuta a Federer, chiudendo 6 a 4 una partita epica. Per Nole secondo Wimbledon e da lunedì nuovo primato in classifica ATP, per Federer, probabilmente, qualcosa anche di più, la consapevolezza di esserci ancora.

Commenti

mezzalunapiena

Lun, 07/07/2014 - 11:42

Ho sempre ammirato Federer sia come campione sia come comportamento in campo, ma ieri durante la finale quando Djokovic è caduto perdendo il punto Federer si è girato di spalle comportamento insolito normalmente si chiede se tutto ok e quindi mi ha deluso.

mezzalunapiena

Lun, 07/07/2014 - 11:43

Ho sempre ammirato Federer sia come campione sia come comportamento in campo, ma ieri durante la finale quando Djokovic è caduto perdendo il punto Federer si è girato di spalle comportamento insolito normalmente si chiede se tutto ok e quindi mi ha deluso.