Zeman: «La società deve lasciarlo lavorare»SOLIDARIETÀ/1

«Il Milan lo scorso anno ha iniziato peggio di adesso e poi ha lottato per lo scudetto fino all'ultimo». Zdenek Zeman si schiera al fianco di Allegri. Per l'allenatore rossonero la sfida di Udine potrebbe essere già decisiva, anche se Zeman la pensa diversamente: «Se una società fa programmi, poi affida il lavoro a un allenatore. Bisogna dunque vedere gli sviluppi, far lavorare un tecnico, specialmente al Milan dove la società ha ceduto pezzi importanti e deve ricominciare». E a chi gli chiede quanto possa pesare un risultato negativo, riferendosi al ko interno della sua Roma con il Bologna, il boemo risponde: «Penso che il campionato sia lungo e bisogna disputare 38 partite, dopo aver battuto l'Inter sembrava che avessimo vinto lo scudetto. Le partite si giocano e si cerca di fare il meglio».
Oggi i giallorossi saranno a Cagliari (si gioca a Is Arenas a porte chiuse), dove non vincono dal 1995, senza Osvaldo, De Rossi e Totti e giocheranno con una squadra under 23. Il trio d'attacco, se sarà composto da Destro - che ieri ha rimediato una distorsione alla caviglia -, Lamela e Nico Lopez, avrà una media di 20 anni. «Come allenatore vorrei avere tutti a disposizione, ma ho fiducia in questa squadra», la chiosa di Zeman.