Zoff difende Buffon dopo la papera contro il Sassuolo: "Capita a tutte le età"

Dino Zoff ha preso le parti del portiere della Juventus autore di una papera contro il Sassuolo: "L'errore di domenica è colpa di tutta la difesa e non solo sua. Si sbaglia a 20, 30, 40 anni"

per Zoff Balotelli colpevole come tutti gli altri

Dino Zoff è stato uno dei portieri più forti della storia del calcio italiano e non solo. Il 77enne di Mariano del Friuli nel corso della sua carriera ha vestito le maglie di Udinese, Mantova, Napoli e Juventus, ha messo in bacheca tanti titoli con i bianconeri e ha vinto anche un Mondiale con l'Italia, quello da sogno del 1982 con Bearzot in panchina. Zoff è sempre stato dalla parte del suo più grande erede Gianluigi Buffon e ai microfoni della Gazzetta dello Sport ha voluto prendere le sue parti dopo la papera commessa contro il Sassuolo: "L’errore contro il Sassuolo non è solo suo ma di tutta la difesa. E nello sport ti può capitare: a 20, 30 o 40 anni indifferentemente. Gigi non ha bisogno di consigli. E non parlatemi di ruggine ai muscoli: alla Juve ti può venire anche facendo il titolare, visto che subisci pochi tiri".

Zoff ha poi incensato l'Italia allenata da Robeto Mancini:"Con Roberto abbiamo ritrovato competitività e credibilità internazionale. In giugno all’Europeo ce la giocheremo con le altre tradizionali big". L'ex numero uno di Juventus e Napoli ha poi parlato della difficoltà nel calcio attuale di trovare dirigenti d'esperienza: "Se con la crisi del movimento italiano, specie a livello dirigenziale, non servirebbero altre figure azzurre di prestigio? Non lo dico per promuovermi, io ormai sono vecchio... Piuttosto penso a gente come Marco Tardelli, che ha passione e competenze per ricoprire un ruolo di responsabilità. Presto l’Associazione Calciatori dovrà rinnovare il proprio direttivo. E allora uno come Tardelli, sarebbe perfetto nel ruolo di presidente".

Il classe 42' ha poi dato la sua opinione sull'appassionante sfida scudetto tra l'Inter di Antonio Conte, attuale capolista della Serie A, e la Juventus di Maurizio Sarri, sorpassata dai nerazzurri nell'ultimo turno ma grande favorita per vincere il nono tricolore consecutivo: "Per me la Juventus resta più forte e completa come organico. Ma Antonio Conte sta realizzando un lavoro eccezionale sull’ambiente Inter, tirando fuori il meglio da ogni giocatore".

Zoff vede ancora la Juventus favorita anche in panchina con Sarri che ha più alternative rispetto a Conte: "Antonio finora ha schierato Lautaro Martinez perché non ha molte alternative e l’Inter potrà vincere lo scudetto se l’organico sarà completato nel mercato di gennaio. Diverso il discorso che riguarda Maurizio Sarri: in attacco ha grandi alternative. E sceglie. La concorrenza fa bene".

Segui già la pagina di sport de ilGiornale.it?