Lo «Sportello in rete» difende i consumatori

La Consulta Ligure dei Consumatori Utenti, promossa da Assoutenti, in collaborazione con tutte le principali associazioni dei consumatori, punta a difendere i cittadini dal caro-vita, abusi e truffe, grazie anche a un progetto finanziato dalla Regione e dal Ministero delle Attività Produttive. «Sportelli in rete», questo il nome dell’iniziativa, è costituito da 24 punti d’ascolto in Liguria cui segnalare rincari e disservizi. La Consulta ha chiesto la collaborazione degli utenti per contrastare l’aumento delle tariffe che, nel periodo 2001/2005, è stato pesante. Il costo della luce, infatti, segna un incremento dell’11%, peggio ancora il gas (+18%), l’acqua (+22%) e la tassa sui rifiuti (+26%). Chiunque può fare proposte in merito, inviando una email all’indirizzo info@assoutenti.liguria.it. Un intervento appena avviato riguarda l’applicazione del decreto del Ministero della Sanità per ridurre del 20% il prezzo dei farmaci da banco (fascia C). La Consulta ha richiesto che le farmacie comunali genovesi applichino lo sconto, in modo che la concorrenza induca anche gli altri farmacisti a fare altrettanto. Problemi anche per l’Ici. «Nel Comune di Genova - spiega il presidente Furio Truzzi - il bollettino Ici non riporta la cifra da pagare, provocando due problemi: il costo da sostenere per farsi calcolare l’importo da un consulente e l’onere del contenzioso in caso di errore. L’informatizzazione completa degli uffici comunali, che noi auspichiamo, otterrebbe tre risultati: cifra già calcolata e niente multe, aggiornamenti veloci e controlli incrociati per contrastare l’evasione. Inoltre, ci battiamo da tempo per far escludere la prima casa dall’imposta. Chi la compra lo fa per viverci e affronta molti sacrifici». Per quanto riguarda la stagione dei saldi, in corso fino al 21 agosto, si moltiplicano i consigli: non comprare oggetti che non indicano sul cartellino il prezzo intero, la percentuale di sconto e il prezzo scontato, chiedere sempre spiegazioni se i prezzi sono confusi, evitare gli articoli difettosi e diffidare dei saldi superiori al 50%. Inoltre, si possono fare denunce, per iscritto o telefonicamente, alle associazioni dei consumatori o alla Polizia municipale. Per informazioni: Consulta Ligure dei Consumatori Utenti, presso Assoutenti Liguria, Via Galata 33/5 tel. 010/540256 Fax 010/8602428.