Sposini migliora: fuori dall’ospedale dopo 73 giorni E ora la riabilitazione

Da ieri mattina il giornalista Lamberto Sposini è ricoverato all’Istituto Santa Lucia di Roma per cominciare la seconda fase della terapia di riabilitazione, dopo il grave malore del 29 aprile che rese necessari il ricovero d’urgenza al Policlinico Gemelli e l’immediata operazione chirurgica. In questi due mesi e mezzo trascorsi al Gemelli, si legge in una nota dei familiari del giornalista, «Grazie al lavoro delle equipe dei professori Maira e Proietti - che ringraziamo anche qui di tutto cuore - sono stati fatti enormi passi avanti, consentendo a Sposini di riacquistare piena consapevolezza e lucidità. Ora al Santa Lucia - preziosa struttura d’avanguardia - proseguirà il lavoro di recupero della completa funzionalità fisica. Un lavoro che ha bisogno di tempo, tranquillità e serenità. Per questo chiediamo all’informazione di proseguire nello sforzo di tutela della privacy, anche in segno di rispetto per le strutture, il personale e gli altri degenti dell’Istituto che da oggi ospita Lamberto». Il giornalista, dopo 73 giorni dalla grave emorragia cerebrale che lo aveva colpito, sarà ora ricoverato presso il centro di neuro-riabilitazione.