Spot tv milionari per i democratici

Hillary Clinton e Barack Obama hanno lanciato una gigantesca campagna di spot televisivi in quasi tutti i 22 Stati dove i democratici votano negli Usa nel Supermartedì delle primarie, spendendo complessivamente 19 milioni di dollari. Secondo i calcoli del New York Times, si tratta dell’offensiva televisiva più dispendiosa nella storia delle primarie per la Casa Bianca, legata al numero inedito di Stati che hanno deciso quest’anno di votare tutti insieme. I due candidati hanno realizzato spot televisivi mirati ai diversi mercati e alle diverse realtà degli stati del voto. I repubblicani John McCain e Mitt Romney, che non hanno le stesse risorse finanziarie dei democratici, hanno lanciato a loro volta una mini-guerra televisiva soprattutto in California, ma hanno puntato soprattutto alle interviste in Tv, per ottenere visibilità a costo zero.