Lo spread corre ancoraBorse europee cautein attesa del vertice

<p>Le Borsee europee perdono oltre l'1%, sui risultati del vertice Ue. Lo spread Btp/Bund continua a salire, fin sopra ai 430 punti base</p>

La corsa dello spread Btp/Bund non accenna ad arrestarsi. I titoli a dieci anni, dopo un'apertura appena al di sopra dei 400 punti base (408), sfonda quota 430. Nel corso dell'asta odierna sono stati collocati 5,56 miliardi di euro di titoli del debito pubblico con scadenze a 5 e 10 anni. Il rendimento è calato al 6,05%, dal 7% della precedente asta, con un calo dei quinquennali al 5,39% dal 6,6% precedente.

A Piazza Affari Premafin in caduta libera cede il 35% dopo l'annuncio del progetto di integrazione tra Unipol e Fondiaria Sai, che prevede un aumento di capitale riservato fino a 400 milioni, invece che un'Opa. Perdite anche per Fondiaria-Sai, giù del 9% sulle ordinarie e del 17% sulle risparmio. Unicredit perde il 3,29%, Intesa Sanpaolo il 3,18 per cento. L'indice Ftse Mib cede l'1,75% a 15.667,2 punti e il Ftse All-Share perde l'1,69% a 16.569,09 punti.

Deboli le borse europee, partite in sordina nell'attesa dei risultati del vertice Ue. In scia a Wall Street si avviano a chiudere la seduta odierana con ribassi oltre l'1%. A Bruxelles Bel 20 -1,70%, a Madrid Ibex -1,47%, a Parigi cac -1,39%, ad Amsterdam aex -1,18%, a Londra Ftse 5.671 (-1,08%), a Francoforte Dax -0,98%, a Zurigo Smi -0,89%. A Milano Ftse Mib -0,88%, All Share -0,82%. Sempre negativa Wall Street, con il Dow a -0,68% e il Nasdaq a -0,63%.  

Sfiducia anche alla luce del no della Grecia al commissariamento proposto dalla Germania. Nel frattempo gli spread portoghesi sono schizzati a un nuovo massimo rispetto al Bund tedesco.