Spunta il video del reporter Bbc rapito a Gaza: sto bene, liberate i prigionieri

Nelle immagini (<a href="/video.pic1?ID=video_alan_johnston_bbc"><strong><font color="#ff6600">guarda il video</font></strong></a>) il reporter dice di essere
trattato bene e chiede la revoca delle sanzioni internazionali
contro il governo palestinese.
Johnston era stato rapito il 12 marzo nella Striscia di Gaza

Gaza - Rapito nel marzo scorso a Gaza, il giornalista della Bbc, Alan Johnston, è apparso oggi in un video diffuso su un sito internet islamico. Nelle immagini, di cui non è nota la data di registrazione, il reporter dice di essere trattato bene e chiede la revoca delle sanzioni internazionali contro il governo palestinese. Johnston era stato rapito il 12 marzo nella Striscia di Gaza da un gruppo armato palestinese denominato Esercito dell’Islam. Da allora non si erano mai avute immagini o registrazioni del giornalista. A metà aprile era stata diffusa la notizia, poi rivelatasi falsa, che l’uomo era stato ucciso dai suoi sequestratori.
Nel video, diffuso sul sito Al-Ekhlaas, Johnston appare calmo e in buona salute, parla della sofferenza degli abitanti di Gaza e chiede la fine delle sanzioni contro il governo palestinese. Le riprese lo mostrano dal busto in su, probabilmente seduto, con una maglietta rossa indosso. Il Foreign Office ha detto che sono in corso verifiche sull’attendibilità del video: «Stiamo indagando con urgenza su queste notizie», ha riferito un portavoce. Anche la Bbc sta facendo le sue verifiche.
Il video dura 20 minuti circa: in esso il giornalista britannico parla anche di Iraq e Afghanistan e dell’occupazione americana e dice che i suoi sequestratori porranno una richiesta in cambio della sua liberazione. Subentra poi una voce che chiede il rilascio dei detenuti islamici nelle carceri britanniche «dei miscredenti». L’Esercito dell’Islam afferma di aver trasmesso il video alla Bbc che non lo ha voluto consegnare alla famiglia di Johnston. Alcuni funzionari governativi palestinesi sostengono di conoscere dove si trovi il nascondiglio del giornalista della Bbc e di non essere intervenuti su esplicita richiesta di Londra, per non mettere in pericolo la vita di Johnston. Il governo palestinese vicino ad Hamas ha tentato di negoziare con i rapitori, mentre il presidente Abu Mazen ha affermato che il reporter «debba essere rilasciato senza condizioni».