«Squadra che vince non si deve cambiare»

Egregio Direttore, abbiamo conquistato la vetta e adesso questo è ciò che conta. Il Genoa è in serie A e il popolo rossoblù ha contribuito a questo successo in maniera determinante, come sempre, riuscendo ad evidenziare quello storico attaccamento ai propri colori, con la forza di sostenere la squadra quando ne aveva più bisogno.
Le persone con qualche anno in più sanno bene cosa vuol dire essere genoani, per aver trascorso la vita sportiva dietro alle sorti di una squadra che sa fare vivere differenti stati d’animo, durante i quali i tifosi alternano rapidamente massima esaltazione e profonda delusione. Piacenza e Venezia hanno seminato scompiglio nelle aspettative che, a tratti, si vedevano allontanare per poi riavvicinarsi, in un’altalena di emozioni entusiasmanti vissute con il cuore in gola, fino all’ultima giornata, fino all’ultimo «prezioso» minuto, prima di dare il via alla grande festa per le strade cittadine che, tengo ad evidenziare, si è svolta nella massima correttezza e civiltà sportiva. Ma, come spesso accade, il veleno è nella coda e oggi spiace davvero, in questo esaltante momento di gioia, osservare che in casa genoana alcune nuvole tendono a smorzare gli entusiasmi di una conquista faticosa, sofferta, sperata, voluta con massima tenacia e lucida determinazione. Mi riferisco alla vicenda-Cosmi che oggi sembra in partenza per altre destinazioni, dopo aver dato tanto ad una squadra che lo ha accolto con convinzione. Francamente non si capisce il motivo per cui, a questo risultato, debba seguire un avvicendamento sulla panchina rossoblù, sulla quale sono state spese tante energie, tanto sudore e tanta fatica. Non entro però nel merito delle decisioni del Presidente Preziosi, anche perché non conosco le ragioni che hanno condotto a tali scelte, certo non ho trovato logico iniziare a parlare di una questione così delicata, prima dell’ultimo incontro, determinante per le sorti del Grifone. Voglio comunque ribadire la mia fiducia nel nostro Presidente. Preferisco aspettare per potere vedere e capire se il suo progetto iniziale potrà addirittura essere migliorato. Solitamente, come si usa dire nel calcio, squadra che vince non si tocca, ma visto che le eccezioni confermano la regola, lasciamo ai posteri l’ardua sentenza.
Presidente
Genoa Fans Club
Provincia di Genova

Annunci

Altri articoli