«La prima squadra di Genova siamo noi»

Egregio dottor Lussana, insieme a tanti miei amici genoani abbiamo letto su «Il Giornale» una lettera scritta da un tifoso doriano, che si dichiara esasperato dall'attenzione che danno i mass-media al Genoa in serie C rispetto ai «cugini» che sono in A e in Uefa. Questo è dovuto al fatto che, è vero che giornali e trasmissioni televisive tendono a fare un 50 e 50 come spazi da dedicare alle squadre, ma è anche vero che gli approfondimenti giornalistici sono quasi sempre rivolti al Genoa c.f.c.
Ora io non trovo giusto aprire un dibattito sulla nostra nascita perchè si tratterebbe di un revisionismo storico del tutto inutile e anche un po’ fazioso, fatto salva la sua assoluta buona fede, perchè il Genoa oltre a essere la prima squadra di calcio in Italia è la squadra di Genova, io non lo dico perchè sono genoano, ma perchè so che tantissimi sono un po’ stufi, soprattutto i piu’ anziani, di quello che è successo negli ultimi 20 anni, e non si fanno più vedere allo stadio e al Pio. Penso che bisogna avere piu’ rispetto per il Genoa, perchè oltre alla Fondazione, ci sarà un museo, quindi penso che quando si aprirà un museo, ci sarà un valore oltre che sportivo anche storico. Mi volevo con Lei complimentare per la linea editoriale che ha avuto nel Caso Genoa, io penso che Preziosi abbia fatto qualche errore, chiamiamoli così, ma bisogna dargli atto che costruisce sempre squadre comunque vincenti. Se mi permette, Lussana, solleciterei Lei e la sua redazione per approfondire la vicenda che è successa quest’ estate, insomma fare del giornalismo investigativo e penso che per la sua intelligenza e obiettività possa svolgere un buon lavoro per chiarire tutte le ombre di una vicenda che veramente sembra persecutoria e ingiusta.