Squilibrato accoltella carabinieri nel centro storico

Un luogotenente, un maresciallo e due carabinieri di Genova sono stati accoltellati nel corso di un intervento di supporto alla polizia municipale che stava eseguendo un trattamento sanitario obbligatorio nel centro storico.
I due sottufficiali sono stati aggrediti dall’uomo che doveva essere soccorso e trasferito in ospedale dai vigili urbani. L’uomo ha inferto loro coltellate alle braccia, unici punti non protetti dall’attrezzatura pesante che gli operatori di pubblica sicurezza indossano quando affrontano persone notoriamente squilibrate. Altri due carabinieri, tra cui un ufficiale, sono rimati contusi nell’intervento. Il tutto è avvenuto nell’appartamento dove abita lo squilibrato dove la polizia municipale era intervenuta ieri poco dopo le 13 perché l’uomo si era barricato in casa. I vigili hanno contattato i carabinieri che sono intervenuti con una pattuglia del nucleo radiomobile della stazione Carignano.
Con il supporto dei vigili urbani la porta dell’appartamento è stata sfondata, ma quando i militari hanno fatto irruzione per immobilizzare lo squilibrato, questi si è scagliato loro contro, armato di un coltello e di un pugnale. Due, come detto, sono rimasti feriti dai fendenti. Il maresciallo ha riportato le ferite più gravi. Dovrà essere operato a seguito della recisione di un tendine. Lo squilibrato è stato condotto al pronto soccorso dell’ospedale Galliera, dove sono in cura anche i carabineri. L’uomo è tenuto sotto controllo e i militari intendono arrestarlo. L’episodio ricorda quello in cui sfortunato protagonista l’agente della polizia Daniele Macciantelli ucciso da uno squilibrato durante un intervento nel quartiere di Pontedecimo lo scorso 25 settembre.