Squinzi riconfermato alla presidenza

da Milano

Giorgio Squinzi, 64 anni, fondatore della Mapei, è stato riconfermato alla presidenza di Federchimica, l’associazione di categoria legata a Confindustria. Lo ha deciso l’assemblea della federazione nazionale che unisce le industrie chimiche che si è svolta, ieri a Milano, alla presenza del ministro dello Sviluppo economico, Pierluigi Bersani e del presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo. L’elezione di Squinzi è stata raggiunta con il 99,6% delle preferenze, e commentata da Montezemolo con una battuta: «Una maggioranza risicata».
Federchimica ha chiesto al governo un codice ambientale compatibile con l’Europa. «Le politiche a difesa dell’ambiente non devono rispondere a una logica anti-industriale, non devono frenare lo sviluppo», ha aggiunto Montezemolo, sposando la tesi espressa da Squinzi. «Occorre un diverso approccio delle politiche ambientali - ha detto il numero uno degli industriali - che non devono essere concepite in una logica anti-industriale, anti-impresa e non devono rappresentare un drammatico freno allo sviluppo. Occorre guardare all’Europa, ma senza l’idea che le direttive Ue debbano essere rese più rigide per l’Italia. Il nostro Paese deve far sentire forte in Europa le ragioni dell’industria manifatturiera. Le politiche ambientali non possono costituire un ulteriore freno per la crescita».