«Sradica» una cassaforte con l’escavatrice: in manette

La segnalazione giunta ai carabinieri della compagnia di Corsico, nel cuore della notte (tra mezzanotte e l’una) sembrava inverosimile: rumori molesti prodotti da un'escavatrice. La realtà è risultata perfino iperbolica: un ladro alla guida di un'escavatrice che sradica una cassaforte e fugge con il vistoso mezzo. Non è fantascienza, è accaduto davvero e proprio a Corsico. L'autore dell'originale quanto bislacco colpo è un pluripregiudicato di Buccinasco, Domenico Tropeano, 45 anni, scarcerato a fine agosto per furto e, ora, dopo l'arresto dell’altra notte, di nuovo in galera. Secondo la ricostruzione dei carabinieri di Corsico il ladro, ai comandi dell'escavatrice, ha prima tentato di spaccare un self service di un distributore «Q8» non lontano da casa sua. Non riuscendo nell'intento di portare via il denaro dentro la colonnina, ha ripreso la marcia con il suo ariete improvvisato e si è diretto nel paese vicino, a Corsico, dove è entrato in un'area di servizio della «Esso» e ha sradicato una cassaforte che conteneva 4mila euro. Poi, con il contenitore blindato ancora sulla pala, si è allontanato. Forse sarebbe anche riuscito a farla franca, ma il trambusto prodotto ha infastidito una persona, che ha subito chiamato i carabinieri. Tropeano, ovviamente, non è riuscito a fare molta strada, dato che i carabinieri non hanno faticato a raggiungere e a bloccare la pala meccanica, e subito dopo lui, che cercava di scappare a piedi.