Stadio «Bacigalupo», numeri da record

I nostri amministratori comunali del Centrosinistra non paghi di quanto ottenuto, in fatto di capienza per il pubblico, per lo stadio di Calcio «Felice Levratto» di Zinola, hanno operato in maniera di consentire allo stadio di Calcio «Valerio Bacigalupo» di Legino un accesso limitato a soli 100 spettatori.
Bisogna ricordare a quanti mi leggono per la prima volta che entrambi quegli stadi sono comunque, alla data attuale non attivi.
Lo stadio di Zinola (per il quale sono già state spese montagne di quattrini) necessita ancora oggi del manto erboso per il quale sono necessari (si dice) ancora 100mila euro. In ogni caso il pubblico avrà (non si sa quando) a disposizione 220 posti.
Lo stadio di Legino (per il quale sono già state spese montagne di quattrini) invece grazie al fattivo e personale intervento del nostro Sindaco è, grazie ad una delibera da Lui firmata in data 14 gennaio 2006 accessibile a 100 spettatori. (Avete letto bene cento spettatori).
Non ho voglia di fare commenti sugli impegni dichiarati, assunti... e realizzati perchè il mio disappunto potrebbe essere scambiato per polemica politica.
Non voglio neanche fare nessun cenno alla situazione Savonese in cui versano le altre attività sportive (pallanuoto, basket, hokey,pattinaggio, sport sul ghiaccio) in quanto la mia parte la ho già espressa (vedi interventi precedenti).
Risposte?
Non ne attendo! Sapete perchè? I signori non hanno neanche ascoltato il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi il quale aveva richiesto loro lo Scioglimento del consiglio comunale.
Possono essi tenere in considerazione le richieste di un consigliere di minoranza della circoscrizione anche se Legino e Zinola insistono su quel territorio?
Sport savonese se vuoi sopravivere devi cambiare i tuoi sponsor di Palazzo Sisto.
Nota: Per quanti hanno a cuore le sorti del Savona Calcio sappiano che nell’ultimo turno di campionato abbiamo pareggiato con l'Uso calcio per 2 a 2 e che Il Savona condivide l'ultimo posto in classifica con il Chiari. Speriamo bene!
(Savona)