«In stage Philosophy», lo shopping ha cambiato rotta

Una nuova griffe «dinamica» capace di seguire le evoluzioni del gusto e della moda

Valeria Arnaldi

Articoli di design, complementi d’arredo, gioielli, abiti e accessori per lei, ma, soprattutto, piante e fiori pregiati, coltivati da maestri olandesi e poi uniti in composizioni dal gusto tutto italiano. Sono solamente alcuni degli oggetti in vendita da «In stage-Philosophy», griffe ideata da Grazia Boscolo, che ha appena inaugurato il suo punto vendita romano, in piazza della Repubblica 52.
Nata come evoluzione del marchio «In stage» dell’articolo director Luciano Bordin, già presente a Padova, la nuova griffe mira a modificare il concetto stesso di boutique, proponendone una visione «dinamica», aperta al cambiamento e capace di seguire le tendenze della moda a 360 gradi, dalla casa all’abbigliamento, dal gadget al verde, tutto rigorosamente di lusso.
«Il nostro punto di forza sono le composizioni floreali - spiega Grazia Boscolo -, campo nel quale vantiamo un’ampia e riconosciuta esperienza. Vogliamo, però, ampliare ed ammodernare il concetto di shopping, proponendo il negozio anche come luogo di incontro e spazio espositivo. Accanto a fiori e piante ricercate, selezionate da Paolo Bonato, ospiteremo collezioni temporanee di oggetti diversi, in una sorta di mini-esposizioni, ognuna delle quali durerà circa una settimana. L’intenzione è quella di aprire una vera e propria vetrina sulla scena internazionale, ospitando le opere di artisti e designer più o meno noti provenienti da ogni parte del mondo. Grande attenzione sarà dedicata agli emergenti, quei giovani che, pur avendo idee interessanti e di valore, spesso hanno difficoltà a farsi conoscere dal grosso pubblico. Daremo ai più meritevoli l’opportunità di mettersi in mostra ed andare alla conquista del mercato».
Sarà permanente, invece, l’esposizione di oggetti ideati o selezionati da Luciano Bordin. Si va dall’orologio analogico sul cui quadrante compaiono frasi e messaggi di varia lunghezza a scatole e gioielli in stile rétro, dalle istallazioni in metallo alle ceramiche, senza dimenticare bicchieri, coppe e vasi in vetro di murano.
Novità assoluta sono le collane e i bracciali che abbinano la fibra metallica al lattice, dando un’illusione di rigidità che ricorda il plexiglass, per poi stupire con inusitate morbidezze che accompagnano il corpo nei movimenti.
«Il nostro cliente ideale - prosegue Boscolo - è una persona curiosa, che abbia voglia di essere originale ma con eleganza, che desideri stupire e farsi notare per il proprio gusto, e che voglia essere coccolata con prodotti personalizzati. Per ribadire la nostra attenzione ai rapidi cambiamenti del gusto e della moda, l’arredamento del negozio cambierà frequentemente. Da settembre, inoltre, lanceremo un calendario ricco di appuntamenti di vario tipo».
La nuova filosofia di shopping non poteva non conquistare i vip. Alla serata inaugurale hanno preso parte, tra gli altri, anche l’ex miss Italia Nadia Bengala, Roberta Beta della prima edizione del «Grande Fratello», il giornalista Michele Cucuzza, l’attrice teatrale Valeria Fabrizi, il regista Gianfrancesco Lazotti, l’attrice Jinny Steffan, l’attore Vincenzo Bocciarelli, Alessandra Sbragia Panaro e la regista Rita Vicario.