Una stagione a ritmo di musical

Il via a novembre con «Tutti insieme appassionatamente». In cartellone «Per favore non toccate le vecchiette» e «Sweet charity»

Ferruccio Gattuso

È stato il teatro «calamita» della scorsa stagione: il primo teatro italiano, cioè, ad attirare spettatori in numeri da record. Quasi duecentomila persone hanno raggiunto il Teatro della Luna, richiamati dal cartellone ad alto tasso spettacolare. Alla fine, i milanesi si sono decisamente abituati alla trasferta, e così la collocazione dello spazio - ai confini estremi sud-occidentali della città, presso il Forum di Assago - non sembra più un problema. Automobile o navetta, l'importante è avere la sicurezza di godersi lo spettacolo: lo spazio meneghino del musical segue la formula fatta di pochi, selezionati spettacoli, molte date degli stessi, e qualità indubbia della messa in scena.
E così, la nuova stagione del Teatro della Luna 2005/2006 annuncia il botto: due novità assolute e una sicura riconferma, sotto l'occhiuta direzione artistica e regia di uno specialista del genere, Saverio Marconi, storico «guru» della commedia musicale italiana e padre della Compagnia della Rancia. Ad aprire i battenti del Teatro della Luna sarà, il 25 novembre, il musical Tutti insieme appassionatamente, evento della scorsa stagione pronto a tornare (per tre settimane) a grande richiesta del pubblico, che ben conosce la storia resa immortale dal film con Julie Andrews, e che ha scoperto nella protagonista di casa nostra Michelle Hunziker un talento imprevisto. La bellissima showgirl trionfatrice di Paperissima e Striscia la notizia ci ha messo poco a conquistare tutti, bambini e adulti: dal piccolo schermo al palcoscenico sembrava un salto rischioso eppure eccola qui, la prima svizzera caliente a memoria d'uomo, a ballare, cantare e recitare con istintiva naturalezza. Nel cast le resta accanto Luca Ward, attore e doppiatore romano dalla voce inconfondibile (Russel Crowe e Pierce Brosnan tra coloro che beneficiano delle sue corde vocali). Con il nuovo anno, i nuovi spettacoli: il 20 gennaio il palcoscenico del Teatro della Luna ospiterà The Producers, definito senza mezzi termini dal New York Observer «il miglior musical in assoluto». Forse personaggi come Andrew Lloyd Webber e Bob Fosse avrebbero qualcosa da dire, ma lo spettacolo esilarante nato dalla vulcanica irriverenza di Mel Brooks è di quelli che comunque restano nella memoria: vincitore a Broadway, dov'è in cartellone da cinque anni consecutivi, di 12 Tony Awards (tra cui miglior musical, miglior copione e migliore musica originale) e campione di incassi qui e là per il mondo, «The Producers» vede nel ruolo dei protagonisti Enzo Iacchetti e Gianluca Guidi, strampalata coppia di produttori nella Broadway degli anni d'oro, quando il musical era lo show più ambito dai divi.
Comicità, costumi scintillanti, coreografie spettacolari, trenta cambi di scena costituiscono l'identikit di questa versione teatrale dell'omonimo film del 1968, diretto da Mel Brooks, giunto in Italia col titolo «Per favore, non toccate le vecchiette!.
Da aprile, al Teatro della Luna va in scena un altro grande debutto italiano: Sweet Charity, scritto da Neil Simon, coreografato dal grande Bob Fosse e ambientato nella New York degli anni Sessanta, è il musical che, nella versione diretta da Saverio Marconi, segna il ritorno sul palcoscenico di Lorella Cuccarini. L'attrice e ballerina per antonomasia «più amata dagli italiani» si confronta con il personaggio reso memorabile sullo schermo da Shirley McLaine, nell'omonimo film del 1968. Per la star di una delle versioni più applaudite di Grease non deve essere certo un problema. La febbre del musical resta altissima, quindi, e il Teatro della Luna sembra il miglior pronto soccorso dove farsi ricoverare.

Annunci

Altri articoli