Stangata ad Albisola: tasse fino a +348%

Stangata nel comune di Albisola amministrato dal centro-sinistra. Nonostante il recente aumento del 12,8 per cento per la raccolta di rifiuti ad Albisola superiore, la giunta non è soddisfatta e si appresta a una mazzata ben più succulenta. I titolari di attività artigianali saranno tra i più «fortunati», visto che si troveranno a sborsare al comune rivierasco «solo» il 23% in più di quanto non abbiano fatto nel 2005. Gli stabilmenti balneari invece subiranno un aumento del 43%.
Non va certo meglio per i campeggi, distributori e impianti sportivi, tutti costretti a mettere mano al portafogli e versare il 66% in più di quanto non abbiano fatto fino a oggi. Non si salveranno dagli aumenti neppure gli elettrauto, le officine e le carrozzerie penalizzate del 36%.
Ma i più mal capitati devono ancora arrivare. Ristoranti, trattorie e pizzerie subiranno un aumento pari al 259%. Non certo meglio va ai bar, caffè e pasticcerie, prosciugati del 159% in più. La medaglia di consolazione dei più «bersagliati» dalla giunta, più 348%, spetta ai titolari di pescherie e ai venditori di ortofrutta, pizza al taglio e di fiori e piante.
Pochi si salveranno da questi aumenti ad ampio ventaglio che vanno a coinvolgere la quasi totalità dei commercianti e piccoli imprenditori, linfa dell’economia ligure e nazionale.
Un centro-sinistra capace di infliggere aumenti a due e tre cifre che giustamente spaventano gli abitanti di Albisola vittime di una stangata che speriamo almeno faccia riflettere...