Stanley Jordan al Blue Note

Approda sul palco del Blue Note oggi e domani (via Borsieri 37, concerto h. 21 e 23,30 euro 30, per prenotare 899.700022) Stanley Jordan uno dei più importanti chitarristi del momento. L’originale musicista americano, infatti, otto dischi all’attivo, di cui uno registrato al Blue Note di Tokyo con Charnett Moffett al basso e Kenwood Dennard alla batteria, ha portato ai massimi livelli una tecnica particolare per suonare la chitarra elettrica, il «touch» o «tapping» che consiste nel suonare la sei corde come se fosse un pianoforte. Jordan, infatti, percuote e tira le corde creando un effetto di eco: le linee melodiche, i contrappunti, i bassi s’incrociano e danzano come se fossero due o più chitarre a suonare insieme.