Stanlio e Ollio eroi pasticcioni

Nel paese delle meraviglie, diretto nel 1934 da Charles Rogers, è il più surreale e probabilmente il meno conosciuto tra i film della coppia Laurel&Hardy. Nel villaggio di Balocchia, che sembra appena uscito dalle fiabe, con bizzarri costumi strappati a fatine e gnomi, Stanlio e Ollio si commuovono alle lacrime dell’anziana signora da cui sono in affitto, che sta per essere sfrattata dal prepotente Barnaba, se entro sera non pagherà l’ipoteca. Ma Stanlio ha speso i risparmi del compagno per comprarsi una lippa, così Ollio incautamente le promette che chiederanno un prestito all’arcigno padrone della bottega di giocattoli dove più che lavorare combinano guai.
Quando alla porta del negozio bussa Babbo Natale per ritirare le ordinazioni, i due cialtroni gli presentano un soldatone alto due metri, anziché i seicento soldatini previsti. Così sono cacciati su due piedi, altro che finanziamento, mentre la vecchina respinge l’esoso creditore, pronto a stracciare la cambiale se avrà in sposa Bo-Beep, la bionda pastorella figlia della sua vittima. A Stanlio e Ollio non resta che recuperare il pagherò con un trucco. I due pasticcioni, scoperti e condannati per furto, in realtà soltanto pensato, devono quindi sottostare alla pena: un bagno nell’acqua gelata sulla pubblica piazza, davanti al re.
Per salvare la mamma, alla fine la pia ragazza cede al ricatto e si concede (in matrimonio) alla carogna. Ma ecco il nuovo trucco ideato da Ollio, che si presenta davanti all’aspirante marito con Stanlio, nel ruolo della finta sposina, nascosto da un ampio velo. E quando il provvidenziale inganno è scoperto, la cambiale è già stata stracciata. Senonché Barnaba, gabbato e deriso, ha in serbo la tremenda vendetta. Che naturalmente gli si ritorcerà contro, grazie anche alla lippa manovrata con perizia da Stanlio e all’esercito dei soldatoni di legno.
Insomma è un piacevole diversivo nella lunga carriera dei due comici il sesto dvd in vendita da domani con il Giornale, come sempre nelle due versioni, italiana (ancora una volta con le voci di Mauro Zambuto e Alberto Sordi) e originale, impreziosita dalle scene più divertenti da rivedere a parte e dalla comica muta Should Sailors Marry?