La stanza di Mario Cervi

È proprio vero, la storia si ripete. Come fa notare il prof. Massimo Introvigne in un suo libro, ciò che sta accadendo è un déjà vu. Il fortissimo e temuto impero romano cadde per la mancanza dei legionari. «I romani praticavano aborto, infanticidio e anche una forma primitiva di eutanasia (abbandonando semplicemente senza cure i vecchi»). Di fronte all’evidente scarsità di cittadini romani, qualche politico dell’epoca pensò bene di concedere la cittadinanza romana ai barbari (ovvero gli stranieri) arruolati nell’esercito. Questi capirono di essere in maggioranza nelle legioni e in numero tale da poter «alzare la voce» e si chiesero perché dovessero essere comandati da un gruppo - minoritario - di romani. Uccisero i lori capi, andarono a Roma e deposero l’imperatore. Ecco come cadde l’impero romano d’Occidente. Questa è storia! Rileggiamo ora tutto questo sostituendo la parola «barbari» con «extracomunitari»...
Sassari