La stanza di Mario Cervi

Se l’esempio di moderazione e di risparmio deve venire dall’alto, spero di non incorrere nel reato di vilipendio del capo dello Stato se dico che dovrebbe dare il buon esempio rinunciando allo stipendio, essendo titolare di una ricchissima pensione dopo cinquant’anni da parlamentare. Il Quirinale potrebbe ridurre in misura notevole i costi di gestione ridimensionando la struttura elefantiaca della segreteria generale, degli esperti di varia natura e con stipendi milionari. Non capisco a cosa serva lo stuolo di esperti e consultori in un’epoca di informatizzazione, né gli addetti militari quando il presidente potrebbe in qualsiasi momento consultare i vertici dell forze armate e i dirigenti della pubblica amministrazione. E poi maggiordomi, aiutanti in un palazzo che dovrebbe essere l’ufficio e non la dimora sfarzosa del capo dello Stato. Solo allora sarebbero credibili i moniti e i richiami alla sobrietà, ai sacrifici e a comportamenti etici per il buon governo del Paese e nel rispetto dei più deboli e bisognosi.
Milano