la stanza di Mario CerviLa Merkel è il nostro «veltro» straniero, e ci morde troppo

È commovente la giovanile, querula, toscana baldanza di Letta e Renzi ansiosi di ribaltare un Paese piuttosto sonnolento governato da una rugginosa, costosa, inefficiente burocrazia sabaudo-borbonica ma detentrice delle leve del potere e ben decisa a difendere il castello di vergognosi privilegi acquisiti nel corso degli anni con il valido aiuto di una magistratura altrettanto avida e corporativa. Il loro intelligente, lungimirante e altrettanto settario antenato Dante, esponente di una secolare propensione a suddividersi in fazioni litigiose (vedi la reciproca antipatia fra sindaco e governatore della Regione) aveva ben compreso che solo un veltro straniero avrebbe potuto mettere a cuccia quella intelligente, artistica ma anarchica collettività. Non intravedendo alcun veltro, sono rassegnato ad ascoltare vacui e ambiziosi quanto inefficaci discorsi.
Bogliasco (Genova)

Caro Lauro, mi pare che la sua sintesi della situazione italiana rispecchi fedelmente la realtà. In Renzi vedo toscana baldanza, in Letta toscana prudenza, entrambi sostengono di voler rivoltare il Paese come un calzino. Ma tutt'al più riescono a realizzare, nel calzino, qualche rattoppo, trovandosi alle prese con una «rugginosa, costosa, inefficiente burocrazia». Lei scrive che ci vorrebbe, per sistemare l'Italia, un veltro straniero capace di mettere tutti a cuccia. La pensava così anche Montanelli, del quale m'è gia capitato di citare un amaro Controcorrente. In uno dei tanti momenti di marasma della vita italiana, Indro propose che, per tirarci fuori dai guai, dichiarassimo guerra alla Svizzera. Così gli svizzeri avrebbero vinto, poi ci avrebbero amministrato loro e saremmo stati a posto. Ma su questa ipotesi gravava, secondo Indro, una incognita tremenda. E se poi avessimo vinto noi? Poveri noi e poveri gli svizzeri. In effetti, caro Lauro, il veltro straniero da lei invocato esiste già, e si chiama Angela Merkel. Ma ai più non piace per niente, vorrebbero liberarsene. E riaffidarsi ai veltri di casa che abbaiano molto ma almeno non mordono quasi mai.