la stanza di Mario CerviL'Italia ha il diritto-dovere di accettare incarichi nell'Ue

In merito alla candidatura di Federica Mogherini, come ministro degli Esteri nella Ue, devo concordare con coloro che non la desiderano, in quanto l'Italia ha dimostrato di non essere in grado di tutelare i propri interessi (vedi il caso eclatante dei nostri Marò). Mi domando, quindi, come l'Italia potrebbe tutelare gli interessi di tutta la comunità europea.
e-mail

Caro Castellano, non ho in simpatia gli slanci lirici della retorica patriottica. Sono da evitare. Ma da evitare è anche l'autoflagellazione sistematica, la negazione d'ogni nostro valore. L'idea che un Paese, essendogli stata offerto un posto autorevole nell'ambito della Ue, risponda che no, non lo accetta perché impari al compito e sicuro che farebbe brutta figura, rappresenta un unicum nei rapporti internazionali. Siamo per tanti aspetti malmessi. Ma non mi sembra che Draghi, tanto per fare un nome, disonori la sua carica. Oppure Draghi avrebbe dovuto dichiarare che, come italiano, non era all'altezza dell'incarico che gli veniva affidato? Sarebbe stato questo il modo migliore per tutelare la dignità dell'Italia?