Stanziati tre milioni e novecentomila euro per promuovere la rottamazione dei motoveicoli inquinanti e agevolare l’acquisto di quelli ecologici Regione: incentivi per cambiare i motorini Al via la campagna per la riduzione dello smog nelle province di Ro

Lucia Resta

Parte oggi la campagna «Il tuo motorino fuma. Fallo smettere», promossa dalla Regione Lazio in collaborazione con l’agenzia Sviluppo Lazio. L’obiettivo è quello di incentivare la rottamazione dei motoveicoli immatricolati prima del 1999, i cosiddetti «euro zero», e favorire la diffusione dei due ruote ecologici.
Lo scorso 11 ottobre la Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Ambiente e cooperazione tra i popoli Angelo Bonelli, ha approvato un piano che assegna tre milioni e novecentomila euro per ridurre lo smog nelle aree a maggiore criticità ambientale della Regione, cioè le province di Roma, cui è destinato il 95 per cento dell’ammontare, e Frosinone, cui spetta il restante cinque per cento.
Sarà possibile rottamare il vecchio motorino senza acquistarne un altro (purché il mezzo sia in regola con il pagamento della tassa di possesso e risulti assicurato per la responsabilità civile nell’anno precedente a quello in corso) oppure, grazie agli accordi della Regione con l’Ancma (Associazione nazionale ciclo motociclo accessori), usufruire delle condizioni agevolate per l’acquisto di un nuovo ciclomotore o motociclo. Sono previsti incentivi che vanno da un minimo di 300 euro a un massimo di 1300 euro per sostituire i motorini inquinanti con biciclette a pedalata assistita o motorini e automobiline elettrici. Chi è in possesso di un motorino non conforme alle direttive europee potrà rottamarlo e acquistare ciclomotori e motocicli (fino a 200 centimetri cubici di cilindrata) «euro 2» (immatricolati dopo il 17 giugno 2002) o «euro 3» (che saranno immatricolati dopo il 1º gennaio 2006). Inoltre, «per l'apertura della pratica - ha affermato l’assessore Bonelli - non ci sarà nessuna spesa e la prima rata potrà essere pagata dopo 60 giorni. Ai contributi sono ammessi anche i domiciliati a Roma per studio o lavoro. L'obiettivo è di arrivare alla vendita di 14mila motorini ecologici e ad una riduzione dell’emissione di anidiride carbonica di circa 8mila tonnellate in un anno, in modo da dare anche un piccolo contributo al protocollo di Kyoto».
Il 15 per cento del finanziamento è destinato all’incentivazione all’acquisto di mezzi elettrici, come il Vectrix, il primo maxiscooter elettrico presentato insieme ad altri veicoli elettrici da Bonelli e dal testimonial della campagna, il comico Max Giusti. «Questa è un’iniziativa - ha detto Giusti - che mi coinvolge molto, perché io vivo questa città con la moto e credo che Roma sia la capitale europea col più alto numero di ciclomotori in circolazione. Passare all’elettrico è un lusso che possiamo e dobbiamo permetterci. Comunque questo è solo un passo iniziale, ne devono seguire altri».
L’iniziativa regionale è affiancata da una campagna di comunicazione curata da Sviluppo Lazio, l’agenzia che si pone come strumento per l’attuazione delle strategie regionali in materia di programmazione economica e territoriale. «Il nostro obiettivo - ha spiegato Pierguido Cavallina, direttore della comunicazione per Sviluppo Lazio - è quello di sensibilizzare alla cultura ambientale, promuovere la conoscenza della normativa e degli incentivi regionali e informare i cittadini sulle modalità pratiche di accesso agli incentivi», per questo è prevista l’attivazione di un call center in funzione dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17 (numero 800264525). «Inoltre - ha continuato Cavallina - creeremo il club "Emissioni zero" i cui soci saranno i beneficiari degli incentivi e al termine della campagna organizzeremo un grande raduno degli "ecologisti in movimento"». La campagna di baserà anche su spot radiofonici, cartellonistica, affissioni su autobus Atac e Cotral ed iniziative nell'ambito della «Domenica a piedi» del 6 novembre promossa da Legambiente.