Le star si mettono in fila dietro la Kidman

La ribalta capitolina fa gola anche a Scorsese, Leonardo Di Caprio, Matt Damon, Mira Nair e Richard Gere

Ariela Piattelli

Nicole Kidman «aprirà le danze» della Festa Internazionale di Roma, presenterà in anteprima Fur di Steven Shainberg il 13 ottobre all’Auditorium. Sean Connery riceverà al teatro dell’Opera l’Acting Award, il premio annuale dalla Festa per i grandi attori contemporanei, mentre Riccardo Muti eseguirà le musiche per film di Nino Rota. Insomma a Cinema Festa Internazionale di Roma si farà sul serio. Gli ospiti illustri sono tanti, già la lista dei nomi resi noti potrebbe riempire una sala cinematografica, mentre c’è attesa per ulteriori rivelazioni su altre illustri presenze. Per ora oltre a Kidman e Connery, c’è sicuramente Richard Gere, che presenterà in anteprima mondiale L’imbroglio (The Hoax) di Lasse Hallstrom (che uscirà nelle sale il 20 ottobre), Leonardo Di Caprio e Matt Damon, per la prima di The Departed di Martin Scorsese, la regista indiana Mira Nair con il suo The Namesake e la nostra Monica Bellucci, che recita in N di Paolo Virzì.
Tutte anteprime mondiali, e seppur il circuito studiato e realizzato per la Festa sembra pronto ai grandi numeri, l’affluenza potrebbe di gran lunga superare le aspettative (soltanto la lista delle richieste di accredito ha toccato quota 5mila, parola del presidente della Festa, Goffredo Bettini). L’Auditorium sarà comunque l’epicentro della manifestazione. E anche su questo si è dovuto lavorare parecchio, perché la struttura, studiata per ospitare concerti, non era all’avanguardia per gli spettacoli cinematografici soprattutto da un punto di vista acustico. È toccato a Pino Chiodo, l’ingegnere del suono che collabora con i grandi nomi della musica italiana, mettere le mani e «ricostruire» l’acustica delle sale dell’Auditorium, progettato da Renzo Piano. E se Chiodo ha messo appunto un progetto ad hoc per far godere il pubblico dell’acustica dello spettacolo cinematografico attraverso tecnologie avanzatissime, lo studio di Renzo Piano ha realizzato il villaggio della Festa, ai piedi del Parco della Musica che, a quanto pare, lascerà i visitatori a bocca aperta.
Il percorso della Festa non si snoda soltanto dall’Auditorium alle sale cinematografiche in ogni angolo della città, ma ci sono anche la Casa del Jazz, la Casa delle Letterature e, ovviamente, la Casa del Cinema, dove verranno celebrate le gesta del cinema italiano. E allora ecco un omaggio al cineasta e scrittore Mario Soldati (Casa delle Letterature) ed uno per il grande maestro delle musiche per film Armando Trovatoli (Casa del Jazz). Mentre «Marcello Mastroianni-l’eccezionalità di essere normali» è il titolo della retrospettiva sull’attore scomparso nel ’96, con cui partirà in anticipo il 12 ottobre alla Casa del Cinema la Festa. Una retrospettiva di ben 48 film, la più completa che sia mai stata organizzata e anche questa con ospiti illustri del nostro cinema come Ettore Scola, Stefania Sandrelli e Mario Monicelli. Un omaggio anche ad Alberto Sordi, una mostra allestita all’Auditorium con locandine, fotografie e materiale inedito sull’attore romano.