Stark nominato capoeconomista

Il direttivo della Bce ha approvato ieri le nuove deleghe dopo che il capo economista Otmar Issing è andato in pensione dopo otto anni trascorsi all’istituto di Francoforte. Gli subentra Jurgen Stark, 58 anni, che ha trascorso la maggior parte della sua carriera alle relazioni internazionali della Bundesbank e al dicastero delle Finanze tedesco. È stato considerato come un esterno per il portafoglio dell'economia della Bce. A Lucas Papademos, vicepresidente della Bce, è stato invece affidato l'incarico sulla ricerca e stabilità finanziaria; a Lorenzo Bini Smaghi l'amministrazione, le relazioni europee e gli affari legali; a Gertrude Tumpel-Gugerell vanno le risorse umane e il budget; a Josè Manuel Gonzalez-Paramo la statistica e le operazioni di mercato. Infine, il presidente della Bce, Jean-Claude Trichet, mantiene la responsabilità della comunicazione e dell'audit interno.